Attentatore di Nizza ospite di un parente a Palermo per 15 giorni: autorità ricostruiscono la permanenza in Sicilia del 21enne

Attentatore di Nizza ospite di un parente a Palermo per 15 giorni: autorità ricostruiscono la permanenza in Sicilia del 21enne

PALERMO – L’attentatore di Nizza avrebbe trascorso 15 giorni in Sicilia, a Palermo, ospite da un parente, prima di raggiungere la Francia e portare a termine il suo piano omicida.


È quanto sarebbe stato accertato da intelligence e antiterrorismo che stanno ricostruendo i movimenti del 21enne Brahim Aoussaoui, il killer che ha ucciso tre persone nella chiesa di Notre Dame a Nizza, decapitandone una.

Il giovane avrebbe lasciato l’Italia non prima del 25 ottobre. Nelle due settimane di permanenza nell’Isola non avrebbe frequentato ambienti radicali, né avrebbe fatto trapelare alcun intento terrorista.


A cadere per mano del 21enne tunisino radicalizzato sono stati un uomo (il sagrestano della chiesa) e due donne.

Il 21enne, secondo quanto ricostruito dalle autorità, era sbarcato a settembre a Lampedusa.

Fonte foto: nypost.com