Anziano legato e ucciso, chiesto l’ergastolo per la badante

Anziano legato e ucciso, chiesto l’ergastolo per la badante

PALMA DI MONTECHIARO – È stato chiesto dalla Procura di Agrigento l’ergastolo per Dana Mihaela Nicoletta Chita, badante di 28 anni, ritenuta responsabile della morte di Michelangelo Marchese, di 89 anni e originario di Palma di Montechiaro.

Il cadavere dell’anziano è stato ritrovato l’11 luglio del 2020 nel suo appartamento, in via Pietro Attardo, con mani e piedi legati. Date le circostanze in cui è stato rinvenuto il corpo senza vita, è stata esclusa fin da subito la morte naturale.


A seguito dell’autopsia è stato poi confermato l’omicidio e i sospetti si sono concentrati sulla badante rumena.

La donna avrebbe rapinato l’uomo, per poi ucciderlo e fuggire con l’auto della vittima. La svolta nelle indagini è avvenuta con il ritrovamento della macchina dell’anziano in possesso di un pregiudicato di Canicattì, che sarebbe stato incaricato dalla badante di far sparire la vettura utilizzata per la fuga.

Foto di repertorio