Il passato violento, la follia e il sequestro del figlio durato 12 ore: arrestato Giuseppe Frasillo

Il passato violento, la follia e il sequestro del figlio durato 12 ore: arrestato Giuseppe Frasillo

MAZARA DEL VALLO – Ci sono volute ben 12 ore di puro terrore prima che Giuseppe Frasillo, armato di fucile e barricato in casa con il figlio di 4 anni, si decidesse a consegnarsi alle forze dell’ordine.


L’incubo, che ha tenuto col fiato sospeso la città di Mazara del Vallo, nel Trapanese, si è concluso solo ieri sera, dopo diverse ore di trattative tra Frasillo, pregiudicato mazarese, e le forze dell’ordine. Libero e finalmente al sicuro il piccolo, letteralmente preso in ostaggio dal padre e presumibilmente al centro di un suo folle progetto di omicidio-suicidio, che fortunatamente non si è realizzato.

In queste ore gli inquirenti stanno procedendo alla ricostruzione dell’episodio, rivelando dettagli agghiaccianti in merito al pregiudicato e alla triste condizione della sua famiglia. Giuseppe Frasillo, ora in arresto con l’accusa di sequestro di persona, avrebbe un passato di violenza alle spalle.


Litigi e aggressioni all’ex compagna erano all’ordine del giorno e, a causa di materiali diffusi sui social, perfino di dominio pubblico.

Quanto accaduto ieri sembra essere il culmine di una serie di litigi e discussioni con protagonisti l’uomo e l’ex compagna, con ogni probabilità per questioni legate all’affidamento del figlio. Messaggi carichi di odio e violenza sarebbero culminati nel folle “progetto” di un atto disumano, che per fortuna il pregiudicato non ha avuto la forza e la possibilità di portare a termine.

Immagine di repertorio