Evasione, spaccio di droga e resistenza a Pubblico Ufficiale: settimana intensa per i carabinieri

Evasione, spaccio di droga e resistenza a Pubblico Ufficiale: settimana intensa per i carabinieri

Evasione, spaccio di droga e resistenza a Pubblico Ufficiale: settimana intensa per i carabinieri

TRAPANI – La settimana in corso si è rivelata particolarmente proficua dal punto di vista della sicurezza. Infatti, i carabinieri della Compagnia di Trapani hanno arrestato 3 persone, responsabili di reati a vario titolo, due in flagranza di reato e uno in esecuzione di un provvedimento restrittivo in carcere, emessi dalla locale A.G.


Più nello specifico, nella giornata di giovedì 4 giugno 2020, i carabinieri della Sezione Radiomobile, nel corso di un servizio di controllo del territorio, hanno arrestato per evasione dagli arresti domiciliari, Giuseppe Lombardo, trapanese,27enne. Il predetto, in atto sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari con controllo a distanza (braccialetto elettronico), si era allontanato arbitrariamente dalla propria abitazione, venendo successivamente sorpreso dai militari operanti mentre tentava di rientrare all’interno del domicilio dall’ingresso posteriore. La competente Autorità Giudiziaria ha convalidato l’arresto operato dai carabinieri.


Nello stesso giorno, i carabinieri della Stazione di Trapani – Borgo Annunziata – in conclusione di una attività di indagine, hanno arrestato Ignazio Angileri, marsalese, 38enne, già gravato da precedenti di polizia, poiché destinatario dell’ordinanza di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere emessa dal Tribunale di Marsala, in ordine ai reati di resistenza, minaccia a Pubblico Ufficiale e inosservanza alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di Pubblica Sicurezza con obbligo di soggiorno.

L’uomo è stato denunciato per il reato di evasione, poiché, posto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione in attesa della celebrazione del rito direttissimo, si è allontanato arbitrariamente, venendo rintracciato poco dopo dai militari operanti. L’arrestato è stato rinchiuso nel carcere “Pietro Cerulli” di Trapani, così come disposto dalla competente Autorità Giudiziaria.

Ancora i carabinieri della su citata Stazione, in data odierna, nel corso di un servizio finalizzato alla prevenzione ed alla repressione dei reati connessi al commercio di sostanze stupefacenti sul territorio trapanese, hanno arrestato Giuseppe Scimemi, trapanese, 30enne, gravato da precedenti di polizia. All’interno dell’abitazione dell’uomo, già da qualche tempo tenuto sotto osservazione, i miliari dell’Arma hanno rinvenuto circa 4,5 grammi di cocaina, suddivisa in 18 dosi pronte per essere immesse nel mercato, e la somma contante di 180 euro da ritenersi provento dell’attività illecita.

Il tutto è stato sottoposto a sequestro. Scimemi, pertanto, è stato dichiarato in stato di arresto e, al termine delle formalità di rito, è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida, così come disposto dalla competente Autorità Giudiziaria.

Immagine di repertorio