Succede a Siracusa e provincia: 10 ottobre MATTINA

Succede a Siracusa e provincia: 10 ottobre MATTINA

Succede a Siracusa e provincia: 10 ottobre MATTINA

SIRACUSA – Ecco le operazioni condotte da carabinieri e polizia a Siracusa e provincia:


  • i carabinieri della Tenenza di Floridia, in esecuzione di ordinanza di aggravamento della misura cautelare degli arresti domiciliari già in atto, hanno arrestato Danilo Caracciolo, 23 anni, disoccupato e pregiudicato. Il provvedimento di aggravamento è scaturito a seguito del riconoscimento da parte dell’autorità giudiziaria dell’inidoneità della misura degli arresti domiciliari cui il giovane era sottoposto. Lo stesso, infatti, nel corso dell’ultimo mese aveva sistematicamente violato la suddetta misura cautelare, sia ospitando soggetti non conviventi sia allontanandosi arbitrariamente dall’abitazione ove era ristretto. L’ultimo episodio risale solo a due giorni fa, per il quale il 23enne era stato arrestato e puntualmente segnalato all’autorità giudiziaria competente. Il giovane, per questi motivi, è stato rinchiuso nel carcere di Cavadonna, come disposto dalla stessa autorità giudiziaria.

Danilo Caracciolo

  • agenti delle Volanti sono intervenuti in un immobile sito in Corso Umberto per una lite in famiglia. Sul posto i componenti della Volante hanno trovato A.M., siracusano di 50 anni, già conosciuto alle forze di polizia che, in evidente stato di agitazione, aveva aggredito la propria convivente, una donna di 40 anni e, alla vista dei poliziotti intervenuti, aggrediva violentemente anche questi ultimi andando in escandescenza e continuando con il suo atteggiamento violento anche durante le fasi dell’arresto, del trasporto in Questura e durante la sua permanenza negli Uffici di Polizia. Senza non poche difficoltà, gli agenti hanno avuto la meglio sull’uomo e, dopo averlo posto in sicurezza, lo hanno condotto ai domiciliari in un’altra dimora con l’accusa di maltrattamenti in famiglia, violenza, minaccia, resistenza a pubblico ufficiale e
    danneggiamento ai beni dello Stato.
  • agenti della Squadra Mobile hanno notato Steven Merlino, ventenne sottoposto agli arresti domiciliari, vagare nei pressi della propria abitazione. Riconosciuti i poliziotti, il giovane è riuscito ad allontanarsi e si rendeva irreperibile per due giorni. Sentendosi ormai braccato dalla Polizia, Merlino, non potendo più nascondersi, ieri mattina si è presentato spontaneamente presso gli Uffici della Questura ove è stato arrestato per il reato di evasione.

Immagine di repertorio