Furto d'elettricità come "vizio di famiglia" in manette fratello e sorella

Furto d’elettricità come “vizio di famiglia” in manette fratello e sorella

Furto d’elettricità come “vizio di famiglia” in manette fratello e sorella

SCICLI – I carabinieri della Tenenza di Scicli e della Stazione di Modica, a Scicli, hanno arrestato, nel pomeriggio di ieri, una donna rumena di 31 anni e suo fratello di 30 anni per furto aggravato di energia elettrica.


Inizialmente i militari erano entrati in casa della donna, dove vive con il figlio minorenne, e si erano accorti, dopo la perquisizione domiciliare, che questi avessero attivi diversi elettrodomestici e la luce senza avere alcun allaccio regolare alla rete di distribuzione.


Per questo motivo, i militari hanno portato Cristina Archirei, già arrestata dall’arma in passato, in caserma e l’hanno dichiarata in arresto per il furto di energia, ponendola a disposizione del p.m. di turno della Procura di Ragusa, ed il figlio è stato denunciato in stato di libertà alla Procura per i minorenni di Catania.

Successivamente i carabinieri di Scicli hanno esteso la perquisizione alla casa del fratello della donna, dove era attivo il medesimo sistema per il furto dell’energia da parte di Niculcea Dorel Mihahita.

Anche l’uomo è stato arrestato e posto a disposizione del P.M. di turno, dottor Riccio della Procura di Ragusa.