Tragedia di Casteldaccia: chiesta archiviazione per cinque imputati

Tragedia di Casteldaccia: chiesta archiviazione per cinque imputati

CASTELDACCIA – È stata chiesta l’archiviazione per cinque degli otto imputati coinvolti nell’inchiesta nata in seguito all’esondazione del fiume Milicia, a Casteldaccia, che il 3 novembre del 2018 provocò la morte di 9 persone, tra cui 2 bambini.


Ad avanzare la richiesta sono stati il procuratore di Termini Imerese Ambrogio Cartosio e il sostituto Carmelo Romano.

La Procura ha chiesto l’archiviazione per l’ex sindaco Fabio Spatafora, per la moglie del proprietario della villetta, Concetta Scurria e per Rosalba Buglino, Alfio Tornese e Michele Cara Pitissi, tre dirigenti che dal 2008 hanno guidato l’ufficio municipale per le sanatorie, i condoni edilizi, le demolizioni e l’acquisizione degli immobili abusivi al patrimonio del Comune.


Rischiano invece di essere rinviati a giudizio il sindaco Giovanni Di Giacinto, la responsabile della protezione civile comunale, Maria De Nembo, e il proprietario dell’immobile, il palermitano Antonino Pace: per loro, infatti, non è stata chiesta l’archiviazione.

A perdere la vita quel tragico giorno furono Francesco Rughoo, Monia, Antonio, Marco, Federico e Rachele Giordano, assieme a Nunzia Flamia, Matilde Comito e Stefania Catanzaro.

Fonte foto: Ansa