Mafia: gli eredi di Riina vogliono mettersi in regola con le tasse e vanno al Comune

Mafia: gli eredi di Riina vogliono mettersi in regola con le tasse e vanno al Comune

Mafia: gli eredi di Riina vogliono mettersi in regola con le tasse e vanno al Comune

CORLEONE – “Vogliamo pagare la tassa sui rifiuti e metterci in regola con gli arretrati”. Sarebbe più o meno questo il contenuto del discorso fatto da Ninetta Bagarella, vedova del boss Totò Riina, ai funzionari del Comune di Corleone, in provincia di Palermo. La donna si è presentata venerdì mattina negli uffici comunali, a scriverlo è stato il quotidiano “La Repubblica”.


Bagarella avrebbe chiesto di avviare un procedura di rateizzazione delle tasse pregresse, manifestando l’intenzione di mettersi in regola con quelle correnti. Il giornale quantifica il debito in circa mille euro di arretrati; di questi, 600 spetterebbero alla vedova, mentre gli altri 400 alla figlia Lucia Riina.


Per anni a Corleone i boss e le loro famiglie non hanno pagato le tasse e la società incaricata della riscossione è stata a lungo anche infiltrata, almeno secondo le indagini. Ma dopo lo scioglimento del Comune i commissari hanno mandato cartelle esattoriali a tutti. Dopo aver rifiutato la notifica per assenza, quando anche la diffida è caduta nel vuoto Ninetta Bagarella ha deciso di pagare.