Angela da Mondello e la perdita del figlio: "Sono stata condannata per furto, volevo pagare il funerale"

Angela da Mondello e la perdita del figlio: “Sono stata condannata per furto, volevo pagare il funerale”

Angela da Mondello e la perdita del figlio: “Sono stata condannata per furto, volevo pagare il funerale”

PALERMO – Nuove dichiarazioni per Angela da Mondello, madre del tormentone non ce n’è Coviddi e frutto del popolare programma televisivo firmato Barbara D’Urso.


A incuriosire gli spettatori del programma Mediaset proprio una scorsa dichiarazione di Angela Chianello: “Barbara, ho problemi con la giustizia e non posso venire da te, sto scontando la mia pena. Proprio durante l’ultima puntata di Live Non è la D’Urso sembrerebbe che la donna abbia finalmente svelato il suo segreto.


Da quanto dichiarato da Angela, infatti, i problemi con la giustizia da lei citati sarebbero stati provocati da un gesto sconsiderato fatto in un momento difficile della sua vita: quando suo figlio sarebbe morto a seguito di una lunga malattia, la donna si sarebbe sentita annullata dalla perdita e dall’impossibilità economica nel poter pagare il funerale, decidendo così di commettere un furto.

La perdita del figlio l’avrebbe cambiata, questo racconta tra le lacrime, e adesso che ha scontato la sua pena la donna si sente libera, come rinata.

Angela Chianello si sarebbe soffermata nuovamente anche sulla sua famosa frase, spiegando che adesso lei è la prima sostenitrice delle protezioni individuali, del distanziamento e della cura e attenzione alla prevenzione dei contagi, in quanto pentita delle parole dette tempo fa a Mondello. Inoltre sembrerebbe che la donna adesso abbia intenzione di cavalcare ancora la sua fama per il bene della figlia 13enne, che potrebbe così crescere in un contesto economico più agiato.

Fonte immagine Instagram Live non è la D’Urso