Messina a ferro e fuoco, carabinieri in azione: fermati pregiudicati, scoperta droga ed effettuate multe

Messina a ferro e fuoco, carabinieri in azione: fermati pregiudicati, scoperta droga ed effettuate multe

MESSINA – I carabinieri della compagnia Messina Centro hanno intensificato i controlli nelle aree ad attrazione turistica della città, in particolare lungo le principali arterie stradali, in località Castanea, Faro e Ganzirri e nelle piazze della movida, allo scopo di contrastare lo smercio di sostanze stupefacenti e di evitare disordini legati al consumo di bevande alcoliche.


Nell’occasione, sono stati arrestati due pregiudicati messinesi, entrambi destinatari di ordine di carcerazione. Si tratta di G.A., 59enne che, condannato per i reati di atti persecutori e lesioni aggravate, dovrà espiare la pena di un anno e sei mesi di reclusione, e di P.D., 27enne, già sottoposto agli arresti domiciliari e associato al carcere di Messina Gazzi a causa delle plurime violazioni agli obblighi derivanti dalla misura cautelare.

Durante i controlli antidroga hanno permesso di fermare in via Consolare Pompea un 35enne di Ganzirri trovato in possesso di circa 6 grammi di marijuana. La successiva perquisizione domiciliare ha permesso di sequestrare 4 piantine di marijuana di altezza variabile tra 10 cm e un metro, nonché l’impianto di essiccamento delle foglie di canapa indiana, costituito da lampade elettriche.


Sul balcone di un 30enne, invece, i militari hanno trovato due piantine di cannabis indica, alte circa un metro e altro modico quantitativo di cannabinoidi. Due persone sono state inoltre segnalate alla Prefettura come assuntori di stupefacente, poiché trovate in possesso di modiche quantità di marijuana, detenute per uso personale, con il sequestro, complessivamente, di circa 20 grammi di sostanza stupefacente.

Infine i posti di controllo hanno consentito di controllare più di 80 persone e di elevare diverse contravvenzioni al codice della strada.