Catania, l'onestà e la bontà nel cuore di un piccolo atleta: vince gara di karate per errore e restituisce medaglia

Catania, l’onestà e la bontà nel cuore di un piccolo atleta: vince gara di karate per errore e restituisce medaglia

Catania, l’onestà e la bontà nel cuore di un piccolo atleta: vince gara di karate per errore e restituisce medaglia

CATANIA – Non sempre serve il Natale per essere più buoni, in particolare se a compiere un grande gesto è un bimbo che ha voluto dare una lezione di lealtà e onestà a tutti quegli adulti che, forse, avevano bisogno di ricordare cosa significhi essere buoni di cuore.


Il caso si rifà a un evento accaduto due giorni fa, quando al PalaCannizzaro di Aci Castello, nel Catanese, un bimbo di 10 anni di origini catanesi si è piazzato al primo posto in una competizione di karate.

Il fatto è, però, che Giorgio – già cintura nera nell’arte marziale – non era il vero vincitore della gara: la vera vincitrice era Carlotta, una piccola di 11 anni, alla quale non è stata consegnata la medaglia d’oro per un errore di calcolo dei punteggi.


Ad accorgersi che qualcosa non andava sarebbero stati i genitori di Giorgio che hanno deciso di spiegargli per filo e per segno che la medaglia non spettava a lui. È così, allora, che il piccolo e la sua famiglia – sotto richiesta dello stesso Giorgio – si sono messi in viaggio per restituire a Carlotta il suo meritato oro.

Il padre della piccola vincitrice ha condiviso diversi post sul suo profilo Facebook in cui elogia il gesto dello sfidante di sua figlia e di tutti i bimbi che praticano arti marziali: “Ancora una volta i bambini ci insegnano che i valori primari dello Sport sono la lealtà e il rispetto.

Fonte immagine ilprimatonazionale.it