Radicali, "Biotestamento anche a Catania"

Radicali, “Biotestamento anche a Catania”

Radicali, “Biotestamento anche a Catania”

CATANIA – I radicali etnei hanno manifestato ieri in piazza Duomo, a Catania, per chiedere l’istituzione anche a palazzo degli Elefanti di un registro dei testamenti biologici.


L’iniziativa rientra nel progetto “centocittà per l’eutanasia legale e il biotestamento” ed è una tre giorni di mobilitiazione, a livello nazionale promossa dall’associazione Luca Coscioni. È già passato un anno dalla presentesentazione delle firme in calce alla proposta di legge di iniziativa popolare in tema di “rifiuto di trattamenti sanitari e liceità dell’eutanasia”.


“L’anno scorso spiega il segretario cittadino Luigi Recupero – oltre 67mila cittadini hanno depositato una proposta di legge in merito all’eutanasia e all’interruzione delle terapie, ma sono state ignorate. Non c’è stato un dibattito parlamentare e nemmeno un’audizione”.

L’obiettivo dei Radicali è quello di sollecitare i parlamentari ad avviare finalmente la discussione sulla proposta di legge di iniziativa popolare che da tempo attende di essere calendarizzata ed esaminata.

Inoltre i Radicali stanno sollecitando i Comuni ad istituire un registro comunale dei testamenti biologici. “Il registro esiste in tantissimi comuni, recentemente è stato approvato a Roma – affermaRecupero e vi è una proposta di attuazione a Palermo e anche a Tusa, nel messinese. I cittadini, in questo modo, possono recarsi a depositare le proprie volontà ed è un segnale importante. Chiediamo al comune di Catania di approvare una delibera che istituisca questo servizio nella nostra città”.

[wpvp_embed type=youtube video_code=2UoG51qGKlc width=670 height=377]