Tra emergenza sanitaria e firme con grafie "sospette": tensione a Tremestieri Etneo per le elezioni

Tra emergenza sanitaria e firme con grafie “sospette”: tensione a Tremestieri Etneo per le elezioni

Tra emergenza sanitaria e firme con grafie “sospette”: tensione a Tremestieri Etneo per le elezioni

TREMESTIERI ETNEO – Elezioni amministrative e campagna elettorale al massimo della tensione a Tremestieri Etneo (Catania) dove si sfidano per il ruolo di sindaco l’uscente Santi Rando, la pentastellata Simona Pulvirenti e Santi Nicosia (lista civica).


Proprio quest’ultimo, a causa della sua positività al virus lo scorso 9 settembre e ancora in attesa dell’esito del nuovo tampone, ha richiesto il rinvio della tornata elettorale.


Il candidato Nicosia, infatti, ha dichiarato di trovarsi in una condizione di impedimento che avrebbe limitato il suo diritto di partecipazione alla competizione elettorale, creando così delle disparità con gli avversari.

Il candidato ha poi rimarcato che queste differenze nella competizione non garantirebbero un giusto esito elettorale, mimando così i nostri valori democratici.

Nicosia ha poi ricordato che la finestra elettorale per la Regione Siciliana va dal 15 di settembre al 15 novembre e che quindi vi sarebbe la possibilità, concordando con gli altri due candidati, di rimandare il voto.

Il candidato con lista civica, infine, ha inviato una missiva con la sua esplicita richiesta di rinvio al Presidente della Regione e al Prefetto di Catania.

Ma ad aumentare la tensione non vi sarebbe solo l’emergenza sanitaria, bensì, pare vi possano essere state delle irregolarità nella fase di candidatura.

Infatti, sembrerebbe che un candidato, successivamente ritiratosi dalla competizione elettorale, avrebbe segnalato delle irregolarità nella fase della racconta firme per la presentazione delle liste.

Al momento, quindi, vi sarebbero in corso degli accertamenti dei carabinieri che starebbero verificando la grafie di alcune firme che desterebbero “sospetti”.

Fonte immagine In Terris