Centrale dello spaccio in un'abitazione di Librino, in manette Salvatore Catania e Isidoro Distefano

Centrale dello spaccio in un’abitazione di Librino, in manette Salvatore Catania e Isidoro Distefano

Centrale dello spaccio in un’abitazione di Librino, in manette Salvatore Catania e Isidoro Distefano

CATANIA – I carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Catania Fontanarossa hanno arrestato Salvatore Catania, 20 anni, e Isidoro Distefano, 39 anni, ritenuti responsabili di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti.


I militari sono riusciti a individuare una centrale dello spaccio in via San Jacopo, nel popoloso quartiere di Librino, gestita dagli arrestati. I carabinieri hanno osservato un flusso continuo di individui che, dopo aver parcheggiato l’auto in strada, si recavano all’interno del palazzo, al civico 60 di via San Jacopo, per poi uscirne dopo qualche minuto.


I militari hanno sorpreso il 20enne sul pianerottolo al primo piano con in mano una busta di plastica contenente 93 dosi di marijuana, mentre il complice se ne stava seduto in cucina a osservare uno schermo lcd che trasmetteva in diretta le immagini catturate da un sistema di telecamere installate sul perimetro esterno della palazzina. Nell’abitazione i carabinieri hanno sequestrato 740 euro in contanti e alcune dosi di marijuana nascoste dentro una “casa delle bambole”.

Inoltre, seguendo filo di un’antenna che, fuoriuscendo dal muro dell’abitazione, raggiungeva direttamente il tetto del palazzo, sono state scoperte 8 telecamere collegate ad un DVR e a una centralina. Trovate anche 7 buste di plastica contenenti complessivamente circa 2 kg di marijuana, di cui una parte già suddivisa in dosi pronte a essere piazzate. Per gli arrestati sono scattati gli arresti domiciliari.