Serie C stravolta: dalle nuove sostituzioni al regolamento per retrocessioni, playout e playoff

Serie C stravolta: dalle nuove sostituzioni al regolamento per retrocessioni, playout e playoff

Una sorpresa non di poco conto ieri nel Consiglio Federale mattutino e nel Direttivo pomeridiano per decretare il futuro della nuova Serie C 2017/18: non si è raggiunto nemmeno con i ripescaggi il completamento a 60 squadre e a fare parte del prossimo campionato saranno soltanto 56. Dalla D fa il salto la Triestina: rifiutata la prima fidejussione del Rende, che ha già fatto ricorso. 

I gironi sono stati suddivisi in modo da evitare la giornata di riposo a giro per tutti i club (clicca qui per conoscere la composizione ufficiale): Nord e Centro Italia sono stati divisi trasversalmente, creando un Girone A con 20 squadre del Nord-Ovest e un Girone B con 18 squadre del Nord-Est. Il Girone C è rimasto invariato in termini geografici, scegliendo la soluzione a 18. 

Anche le sostituzioni sono inserite nel quadro “novità” della prossima stagione: non saranno più soltanto tre i cambi che i tecnici potranno effettuare, ma ben cinque. Le prime reazioni dei tifosi sembrano andare più sul pessimismo che sull’ottimismo: infatti, si pensa che le squadre con un organico più forte vengano avvantaggiate nel corso della gara. I tempi per effettuare i cambi saranno sempre tre, sarà a discrezione degli allenatori di ogni squadra gestirli e capire quante sostituzioni effettuare in quel frangente di partita.

L’ultimo cambiamento, ma non meno importante, è quello inerente alle retrocessioni, ai playoff e ai playout: per tornare all’organico dello scorso anno, avendo quindi una C 2018/19 a 60 squadre, retrocederanno nei dilettanti 5 squadre anziché 9 suddivise in questo modo:

– 2 del Girone A*

– 1 del Girone B

– 1 del Girone C

* = le retrocessioni del Girone A sono soggette a variazioni. Cosa significa? La lega ha deciso che, essendo il gruppo più numeroso, saranno due le squadre sacrificate anziché una. Ci sono, tuttavia, delle condizioni:

RETROCESSIONI:

  • Nel Girone A, la doppia retrocessione è diretta quando a fine campionato, tra penultima e terzultima, ci sono più di otto punti di distacco;
  • Nel Girone A, l’ultima retrocede direttamente quando tra la penultima e la terzultima ci sono meno di otto punti di distacco e, nello stesso tempo, la differenza tra ultima e quartultima è di più di otto punti. La penultima e la terzultima farebbero lo spareggio playout per rimanere in Serie C;
  • Nel Girone A, quando tra penultima e terzultima e tra ultima e quartultima ci sono meno di otto punti di distacco, si procederà al doppio playout.
  • Nel Girone B, retrocede direttamente in Serie D l’ultima classificata.
  • Nel Girone C, retrocede direttamente in Serie D l’ultima classificata.

PLAYOUT:

Questo la formula dei playout 2017/18:

  • Nel Girone A, i playout verranno effettuati tra penultima e terzultima se ci saranno meno di otto punti di distacco tra le due e più di otto punti di distanza tra ultima e quartultima. Sarebbe gara d’andata e ritorno, chi perde nel doppio confronto sarebbe la seconda retrocessa (Schema: 19/a A vs 18/a A);
  • Nel Girone A, i playout verranno effettuati tra quartultima, terzultima, penultima e ultima se il distacco tra tutte le squadre è inferiore agli otto punti. In questo caso, si procederà in un mini torneo di semifinale e finale: ultima contro quartultima e penultima contro terzultima (Schema: 20/a A vs 17/a A contro 19/a A vs 18/a A);
  • Nel Girone B e nel Girone C, i playout sono congiunti: parteciperanno, indipendentemente dalla differenza di punti, la penultima e la terzultima di entrambi i gruppi. Si sfideranno in semifinale, le vincenti si salveranno e le perdenti giocherebbero la finale per non retrocedere (Schema: 19/a B vs 18/a B contro 19/a C vs 18/a C);

PLAYOFF (Decisione ufficiosa):

Questa la probabile formula per i playoff 2017/18:

  • Nel Girone B e nel Girone C, passeranno al secondo turno la seconda, la terza e la quarta classificata. Al primo turno accederanno quinta, sesta, settima, ottava, nona e decima secondo questi accoppiamenti: 5/a vs 10/a, 6/a vs 9/a, 7/a vs 8/a. Le vincenti sfideranno le partecipanti dello stesso gruppo nella seconda fase.
  • Nel Girone A, passeranno al secondo turno la seconda e la terza classificata. Al primo turno accederanno quarta, quinta, sesta, settima, ottava, nona, decima e undicesima secondo questi accoppiamenti: 4/a vs 11/a, 5/a vs 10/a, 6/a vs 9/a, 7/a vs 8/a. L’inserimento dell’undicesima è dovuto alla maggiore quantità di squadre presente nel girone.

Al terzo turno parteciperanno tutte le vincenti del secondo turno più la vincente della Coppa Italia Serie C. Il tabellone che indicherà le squadre che dovranno incontrarsi dev’essere ancora ufficializzato e strutturato.

Il prossimo passo sarà la cerimonia dei calendari, che verranno presentati il 10 agosto a Pescara, location della Final Eight Playoff 2017/18, alle 18.

Commenti