Raffica di emozioni, a Palermo la spunta il Milan

Raffica di emozioni, a Palermo la spunta il Milan

PALERMO – Ancora una sconfitta per il Palermo. Prestazione volitiva e generosa da parte della formazione guidata da Iachini contro il Milan, avversario allo stadio Renzo Barbera, ma non basta per avere ragione dei rossoneri. Partita vibrante, non priva di emozioni tra due squadre che non lesinano sforzi e fanno di tutto per superarsi. Lo si capisce dagli istanti iniziali del match che si sarebbe trattato di una gara scoppiettante. Al 7’ sale in cattedra Sorrentino con una pregevole respinta, rispondono i padroni di casa con i soliti Dybala e Vazquez, pericolosissimi.

Palermo in costante pressione, il Milan bada prevalentemente a difendersi nel primo tempo ma non disdegna di affacciarsi nella metà campo milanista. Al 37’ si concretizza proprio il vantaggio degli ospiti. Cross di Van Ginkel dalla destra, rimpallo Sorrentino-Cerci che premia il rossonero, il quale insacca col ginocchio. Un “gollonzo” regala così lo 0-1 al Milan, nel momento migliore del Palermo che gioca con intensità.

Nella ripresa parte forte la squadra milanese, determinata a mettere a segno il gol che chiuderebbe di fatto la partita.

Ci provano Menez e Paletta, mentre Destro viene fermato in fuorigioco (millimetrico) insaccando a gioco fermo. Ma il Palermo è ancora in gara, vivo più che mai, trascinato dall’incontenibile Dybala. Al 71’ l’episodio della possibile svolta: calcio di rigore assegnato ai rosanero per fallo ai danni di Belotti in area. Dybala s’incarica della battuta e non sbaglia, angolando il sinistro. Adesso saltano gli schemi, le due squadre danno fondo alle proprie risorse, con l’intento preciso di portare a casa i tre punti.

Dybala continua ad effettuare giocate d’alta scuola ed è bravissimo Sorrentino sul colpo di tacco di Antonelli al minuto 75. Lo stesso portiere anticipa impeccabilmente Pazzini pochi istanti più tardi, mentre Rigoni fallisce la ghiotta opportunità per portare in vantaggio il Palermo da posizione favorevole. Gol sbagliato, gol subito. È la legge del calcio che, in questo caso, castiga i siciliani.

All’83’, infatti, Menez vola in contropiede e trova il varco giusto per fulminare Sorrentino. I rosanero accusano il colpo, invece il Milan viaggia sulle ali dell’entusiasmo e gestisce con qualità e personalità il possesso palla, chiudendo il match in attacco. Al termine dei quattro minuti di recupero, sconforto Palermo per il terzo ko di seguito e festa rossonera al Barbera per il rilancio delle ambizioni milaniste.

PALERMO-MILAN, TABELLINO PARTITA E PAGELLE

Marcatori: 37′ Cerci (M), 71′ Dybala (P), 83′ Menez (M)
 
Palermo (4-3-2-1): Sorrentino 6.5; Rispoli 6, Vitiello 6, Gonzalez 6, Lazaar 6.5; Rigoni 6, Jajalo 5.5 (89′ La Gumina s.v.), Barreto 5.5 (54′ Chochev 6); Quaison 6.5 (58′ Belotti 6+), Vazquez 6.5; Dybala 7. All. Iachini.
 
Milan (4-3-3): Diego Lopez 6; Abate 6.5, Mexes 5.5, Paletta 6, Antonelli 6; Van Ginkel 6, De Jong 6, Bonaventura 6; Cerci 6 (77′ Suso s.v.), Destro 6- (77′ Pazzini 6), Menez 7 (92′ Poli s.v.). All. Inzaghi.
 
Arbitro: Doveri di Roma.

Ammoniti: 62′ Abate (M), 67′ Vitiello (P), 71′ Paletta (M), 73′ Jajalo (P), 92′ Mexes (M).

Commenti