Palermo sogna l’Europa, tris al Napoli per scatenare la festa rosanero

Palermo sogna l’Europa, tris al Napoli per scatenare la festa rosanero

PALERMO – Dopo quattro vittorie consecutive per il Napoli in campionato, si ferma a Palermo la corsa della formazione di Benitez. I rosanero oppongono una strenua resistenza adottando in campo l’atteggiamento di chi fin da subito dimostra di avere le idee chiare. Determinante nell’economia della gara la papera di Rafael al minuto 14 che consente ai padroni di casa di portarsi in vantaggio. Nella circostanza il tiro potente di Lazaar da ben 40 metri di distanza sorprende il portiere partenopeo. Gravissima ingenuità di Rafael che galvanizza il Palermo, grintoso su ogni pallone, aggressivo e determinato al cospetto di un Napoli capace di reagire ma che non trova la via del gol nel primo tempo.

Anzi, dulcis in fundo, sono ancora i siciliani ad andare a segno al 35’. Bellissima azione in contropiede del Palermo, Quaison va in progressione, dribbling su Jorginho e Strinic, Dybala serve Vazquez che conclude di sinistro non lasciando scampo al malcapitato Rafael. Spettacolo al Barbera, Palermo che vince e convince. Prima dell’intervallo sale in cattedra Sorrentino, portentoso su una deviazione in corner di Higuain. Sembra davvero la serata giusta per assaporare il colpaccio in casa rosanero, viceversa al Napoli le cose vanno tutt’altro che per il verso giusto. Callejon ad inizio ripresa, direttamente su calcio di punizione, conclude con un tiro che si perde sopra l’incrocio dei pali.

Benitez prova a giocarsi anche la carta Gabbiadini per cercare di scardinare la difesa palermitana, sostituendo Hamsik, costretto ad abbandonare il terreno di gioco per via di un problema muscolare. Il Napoli cerca di garantirsi il pallino del gioco ma soffre il pressing asfissiante del Palermo che, quando riparte, fa spesso male alla retroguardia campana. Al 62’ il cross di Dybala a centro area è invitante, ma Albiol interviene a liberare in extremis. Pochi minuti più tardi, ancora Palermo vicino al gol. Vazquez fa partire un tiro potente ed angolato, ma Rafael effettua finalmente un intervento efficace, deviando in corner. Il 3-0 è nell’aria, si concretizza al 65’.

Gran giocata di Dybala, cross per la testa di Vazquez che, a sua volta, serve Rigoni liberissimo d’insaccare. Meccanismo di gioco perfettamente eseguito e difesa napoletana colabrodo. A questo punto il Napoli tenta il tutto per tutto, Zapata garantisce maggiore vivacità al reparto offensivo rilevando un nervosissimo Higuain, molto contrariato per la sostituzione, forse non a torto. Nel finale di gara il neo entrato Gabbiadini accorcia le distanze sfruttando un calcio piazzato di De Guzman e prova ad infondere coraggio al Napoli. Nel finale gli ospiti premono sull’acceleratore ed avrebbero potuto beneficiare di un calcio di rigore per un fallo di mano in area che pareva esserci.

Il Palermo però difende con le unghie e con i denti il prezioso vantaggio fino al 94’, quando l’arbitro Mazzoleni fischia la fine delle ostilità. Applausi ampiamente meritati per i ragazzi di Iachini, Napoli che esce a testa bassa dal confronto, avendo probabilmente preso sotto gamba l’avversario. Errore molto grave contro una squadra, il Palermo, che dimostra di essere un osso duro per chiunque, soprattutto tra le mura amiche, e dimentica le “scoppole” milanesi con una prestazione sontuosa. Sognando l’Europa.

PALERMO 3-1 NAPOLI, TABELLINO E PAGELLE

Palermo (4-3-2-1): Sorrentino 6.5; Rispoli 6, Andelkovic 6-, Terzi 6.5, Lazaar 7; Bolzoni 6, Rigoni 7, Barreto 6.5 (41′ st Jajalo s.v.); Quaison 6.5 (24′ st Chochev 6), Vazquez 8 (33′ st Belotti s.v.); Dybala 7.5. A disp.: Ujkani, Milanovic, Ortiz, Emerson, Morganella, Bentivegna, Della Rocca, Daprelà, Joao Silva. All.: Iachini

Napoli (4-2-3-1): Rafael 4.5; Maggio 5.5, Albiol 4.5, Britos 5, Strinic 4.5; Jorginho 5, Lopez 5 (24′ st Gargano 6); Callejon 4.5, Hamsik 6 (9′ st Gabbiadini 6.5), De Guzman 5.5; Higuain 6 (29′ st Zapata 6). A disp.: Andujar, Colombo, Koulibaly, Henrique, Ghoulam, Inler, Gabbiadini. All.: Benitez

Arbitro: Mazzoleni

Marcatori: 14′ Lazaar (P), 36′ Vazquez (P), 20′ Rigoni (P), 37′ st Gabbiadini (N)

Ammoniti: Jorginho, Higuain (N); Rispoli, Rigoni, Bolzoni (P)

Commenti