Palermo rimontato e “mitragliato”: poker Sassuolo

Palermo rimontato e “mitragliato”: poker Sassuolo

PALERMO – Doveva essere la gara della svolta, per iniziare al meglio il girone di ritorno ma ancora una volta il Palermo ne esce sconfitto.

A Reggio Emilia, infatti, finisce 4-1 contro il Sassuolo di Eusebio Di Francesco, capace di rimontare l’iniziale vantaggio dei rosanero e di conquistare tre punti decisivi per la salvezza.

Corini schiera un 3-4-2-1 con qualche novità importante: Vitiello sostituisce Thiago Cionek in difesa, Gazzi e Morganella vanno in panchina sostituiti da Pezzella e Bruno Henrique, che viene arretrato. Poi due trequartisti, Embalo e Quaison, alle spalle di Nestorovski.

Sassuolo offensivo nei primi minuti con ben tre corner battuti nel giro di cinque minuti, il Palermo però si difende con ordine e va subito in vantaggio all’8′ con un grandissimo capovolgimento di fronte: lancio lungo dalla retroguardia, palla che arriva a Nestorovski che protegge contro due difensori neroverdi, mette il fisico e tiene palla al limite dell’area di rigore servendo di tacco Quaison che, perso da Lirola, salta Consigli e mette dentro il pallone dello 0-1.

Neanche il tempo di gestire il vantaggio che il Sassuolo pareggia: minuto 14, azione nata dalla destra con un buon servizio di Berardi in profondità che avvantaggia Matri, non marcato da Gonzalez e Goldaniga. Il numero 10 del Sassuolo calcia forte dentro l’area di rigore e trafigge Posavec. Una partita messa subito a posto dai padroni di casa ma che non smette di regalare emozioni: infatti, due minuti più tardi, il Palermo non demorde e rischia di passare nuovamente avanti con un colpo di testa di Nestorovski di poco a lato, servito precedentemente con un cross dalla sinistra.

I ritmi restano alti anche dopo il primo quarto d’ora ma il Sassuolo prende più coraggio e consapevolezza nei propri mezzi e, ancora grazie ad un assist di Berardi, mette la freccia e ribalta la partita: male la difesa del Palermo, che lascia scoperto Antonino Ragusa, giocatore per il quale è destinato il pallone fornito da Berardi. L’ex Cesena si trova uno contro uno contro Vitiello, che lo bracca ma poi scivola improvvisamente permettendo a Ragusa di avanzare e superare con lo scavino Posavec per il 2-1. A nulla è servito il tentativo di Rispoli di salvare il pallone, che in realtà viene soltanto spinto ancora di più in rete.

Un risultato comunque bugiardo poiché i rosanero, fino a quel momento, avevano giocato alla pari con gli avversari. Resta dunque il parziale equilibrio in campo, anche se il Sassuolo è più propenso ad impostare il gioco e a creare occasioni da goal; dall’altra parte invece è soprattutto un ottimo Nestorovski a tenere palla per far salire la squadra. Gara che dalla mezz’ora in poi si gioca prevalentemente in mezzo al campo: il Sassuolo amministra ed il Palermo non riesce ad imporre come vorrebbe il suo gioco, di fatto assistiamo ad una fase più statica dopo una partenza super da parte di entrambe le squadre. È questo tipo di partita che accompagna le due formazioni nello spogliatoio: alla fine del primo tempo, 2-1 per i padroni di casa in rimonta.

Corini cambia Vitiello con Morganella ma la ripresa si apre sulle false righe di quello che è stato il finale della prima frazione: ritmi più bassi e palla contesa a centrocampo, anche se il Palermo prova a pressare alto il Sassuolo. Nulla da segnalare nei primi 15 minuti di gioco se non l’ammonizione presa da Mazzitelli al 47′. Dopo i due assist, Berardi cerca il goal al 60′ con un buon tiro a giro, sfruttando l’errore aereo di Pezzella, ma la palla termina alta sopra la traversa. Al 61′ Corini prova a cambiare ancora qualcosa, sostituendo Embalo con Diamanti. Grande opportunità per il Palermo al 63′: Bruno Henrique serve sulla destra Rispoli sulla corsa, intercetta Ragusa che serve il suo compagno Peluso. Quest’ultimo si fa superare dal pallone consegnandolo a Rispoli, murato da un ottimo Consigli che ha respinto in corner.

Goal sbagliato, goal subito: sessanta secondi più tardi il Sassuolo chiude la partita. 3-1 di Alessandro Matri: ancora una volta erroraccio difensivo dei siciliani, con Morganella che si perde Ragusa, servito con un passaggio filtrante di Berardi, ancora una volta. L’attaccante sfiora la doppietta, poiché Posavec è bravo a chiudere lo specchio della porta e a mettere i guantoni sulla palla, ma solo per un attimo poiché Matri agguanta la sfera e trasforma a porta vuota. Il “Mitra” non segnava due reti nella stessa partita da più di un anno: l’ultima volta fu il 13 settembre 2015 contro l’Udinese.

A quel punto il Palermo non riesce più a ripartire: gli errori difensivi vengono pagati a caro prezzo ed il Sassuolo prova anche a dilagare sempre con la coppia Matri-Berardi. Al 78′ si può notare come Ragusa voglia la doppietta personale e per averla ci prova da posizione centrale, al limite dell’area di rigore, con un insidioso tiro a giro che si perde di poco sul fondo. Quattro minuti più tardi, però, i rosanero sprofondano: il quarto goal arriva facile facile per Mattia Politano, entrato al posto di Berardi. Defrel in progressione, ci sono gli spazi per sfruttare la profondità, Rispoli non lo prende ed il francese serve sulla destra Politano che non ci pensa due volte e piazza alla destra di Posavec il pallone del 4-1. Per lui la terza rete stagionale.

Un Palermo che va avanti a fatica per il resto della gara, sicuramente migliore nel primo tempo e poi crollato nella ripresa, soprattutto dopo la rete del 3-1. Un’altra brutta prestazione della difesa, mentre è il solo Nestorovski ad essere davvero positivo. E meno male che l’Empoli, a Genova, ha fallito un calcio di rigore ottenendo soltanto un pareggio a reti bianche, allungando però ulteriormente sul Palermo: salvezza a -8 per i rosanero, che adesso dovranno fare l’impresa al Barbera contro l’Inter, in splendido momento di forma.

IL TABELLINO

SASSUOLO (4-2-3-1): Consigli; Lirola, Letschert, Acerbi, Peluso; Aquilani, Mazzitelli; Ragusa, Berardi, Ricci; Matri. All. Di Francesco

PALERMO (3-4-2-1): Posavec 6; Vitiello 5, Gonzalez 5,5, Goldaniga 5,5; Rispoli 5,5, Jajalo 5,5, Bruno Henrique 6, Pezzella 5,5; Embalo 5,5, Quaison 6, Nestorovski 7. All. Corini

Marcatori: 9′ Quaison (P), 14′ e 66′ Matri (S), 24′ Ragusa (S), 82′ Politano (S)

Ammonizioni: 33′ Quaison (P), 47′ Mazzitelli (S), 71′ Lirola (S), 74′ Goldaniga (P)

Sostituzioni Sassuolo: 65′ Defrel / Ricci, 76′ Politano / Berardi, 82′ Duncan / Matri

Sostituzioni Palermo: 46′ Vitiello / Morganella; 61′ Embalo / Diamanti; 78′ Balogh / Quaison

Recupero: 0′ 1T, 2′ 2T

Arbitro: Paolo Mazzoleni di Bergamo

Commenti