FidalCatania.it si rinnova

FidalCatania.it si rinnova

CATANIA – Il sito del Comitato Provinciale Fidal Catania – www.fidalcatania.it – si rinnova e assume una veste grafica ancora più accattivante e moderna, rispetto a quella che comparve il 23 febbraio 2013 con l’avvento del nuovo presidente, Davide Bandieramonte, eletto venerdì 8 febbraio 2013. Un sito allineato e dettato dal «Corporate Identity» della Fidal nazionale. Un link rimanda al vecchio sito, così com’è stato realizzato nel quadriennio precedente e che mantiene tutti i documenti pubblicati sino a febbraio 2013.

Andando indietro nel tempo, la prima di www.fidalcatania.it risale a martedì 8 marzo 2005, festa della Donna, una nascita senza tanti clamori, ma già il Giovedì Santo 24 marzo, si festeggiava il millesimo contatto, tutto oltre ogni più rosea aspettativa in appena sedici giorni di vita. Più avanti ventimila i contatti scoccati nella data di giovedì 1 settembre 2005, in poco meno di sei mesi (179 giorni per l’esattezza). Nuovo look del sito l’1 aprile 2009, dopo aver subito un attacco hacker, uno strumento web più snello, più immediato, sempre al servizio dell’atletica catanese.

Adesso fatti i conti si deve parlare di progressione geometrica del numero dei visitatori che si collegano con FidalCatania giornalmente. L’attività dell’atletica leggera a Catania e provincia è senza sosta e il sito ha proprio questo scopo, essere lo specchio fedele della Fidal di Catania e offrire agli utenti, atleti in primis, dal più giovane al più anziano, dirigenti o semplici appassionati, un servizio quasi in tempo reale sull’atletica leggera provinciale, allargando i propri orizzonti anche in campo regionale e nazionale.

L’autore, dall’8 marzo 2005 ad oggi, mentre si sta per concludere l’undicesimo anno di Fidalcatania.it, è sempre lo stesso, il geniale Senior Web Developer, Riccardo Lanzafame, il catanese ex mezzofondista, che da Praga, in contatto con il presidente della Fidal Catania, Davide Bandieramonte, costruisce questi capolavori.

Michelangelo Granata

Commenti