Chiuso il capitolo “infortuni”, l’Aquila Palermo pensa alla sfida contro Maddaloni

Chiuso il capitolo “infortuni”, l’Aquila Palermo pensa alla sfida contro Maddaloni

PALERMO – La sfida sarà tutt’altro che semplice. Diversi modi di proporre il proprio gioco un solo obiettivo: portare a casa la vittoria.

Domani il PalaMangano ospiterà i campani della Maddaloni, reduci da due risultati “sfortunati”, che gli ha impedito di dominare la classifica, come ci si aspettava.

“Si tratta di una squadra assai collaudata – spiega l’assistant coach dell’Aquila Federico Vallesiavrebbero potuto presentarsi alla sfida di domani tranquillamente con tre vittorie su tre, anziché con una sola, avendone perse una all’ultimo secondo e un’altra, quella della settimana scorsa, giocandosela fino all’ultimo”.

“Spiccano nel gioco di squadra – prosegue Vallesidisponendo però anche di diverse soluzioni offensive. Dovremo fare attenzione soprattutto ai loro Desiato e Chiavazzo, che globalmente tendono a cercarsi molto, magari cercando quel passaggio in più che gli permette di non forzare i tiri”.

Concentrazione massima in casa biancorossa. Una settimana intensa di allenamento nella quale, per la prima volta dall’inizio della stagione, coach Marletta, ha potuto contare sulla partecipazione dell’intero roster.

“Siamo preparati ad accogliere come vogliamo Maddaloni – dichiara la guardia biancorossa Davide Tagliareniper la prima volta in stagione, siamo riusciti ad allenarci tutti insieme questa settimana, dimenticando i tanti stop per infortuni”.

“È vero – prosegue Tagliareni – i nostri avversari arrivano da una vittoria e due sconfitte alle prime tre, ma sempre con scarto minimo e sempre viaggiando su grandi livelli. Verranno qui per fare risultato, ma la voglia di regalare un’altra gioia ai nostri tifosi è davvero tanta. Spero – conclude il numero 10 – che vengano in tanti a spingerci al PalaMangano. Ne abbiamo sempre bisogno”.

L’appuntamento è per le 18.00 al PalaMangano, certamente gremito di fan e supporters come, ormai, Palermo, è abituata a vedere.

Commenti