Catania, presentati Bastianoni, Plasmati e Pelagatti

Catania, presentati Bastianoni, Plasmati e Pelagatti

CATANIA – Questo pomeriggio a Torre del Grifo Village il direttore sportivo rossoazzurro Marcello Pitino ha presentato alla stampa i neo acquisti Elia Bastianoni, Gianvito Plasmati e Carlo Pelagatti. Anche loro manifestano entusiasmo per il trasferimento ai piedi dell’Etna, mentre Pitino sottolinea l’importanza che la squadra prosegua su questa strada in termini di risultati e prestazioni aggiungendo che “potrebbe essere prorogata la chiusura della Campagna Abbonamenti”.

Bastianoni, portiere che si rivede in Julio Cesar, professa massima umiltà. “Venivo da un paio di mesi da svincolato, ora mi serve tempo per essere al 100% della condizione fisica. Mi farò trovare pronto quando il mister lo riterrà opportuno. Sono contento di avere sposato il progetto Catania, di essere in una piazza che non ha nulla a che vedere con la Lega Pro per strutture e capacità organizzative”.

Parole da potenziale leader, invece, quelle di Gianvito Plasmati che ha fatto ritorno a Catania dopo l’esperienza di anni fa in Serie A. “Ho tanta voglia di rivincita dopo avere lasciato la Sicilia in maniera burrascosa, portandomi dietro parecchie cicatrici. Servono poche chiacchiere e tanti fatti, determinando attraverso il lavoro quotidiano una grande annata. Vengo da alcuni mesi da svincolato, da un’esperienza di vita positiva in Inghilterra ma poco fortunata sul campo, dove ho fatto i conti con un infortunio al crociato ed un lungo stop forzato. Sono profondamente legato, innamorato di questa città che vanta una tifoseria eccezionalmente legata ai colori rossoazzurri. Nonostante il Catania militi in C, non si respira un’atmosfera da terza serie per il Centro sportivo che si ritrova e la forza, l’ambizione di questa società”.

Plasmati rivolge anche un appello alla tifoseria: “Chiedo ai tifosi di stare vicini sia alla squadra che alla società, per quanto quest’ultima possa essere contestata. Il vero tifoso si vede in questi momenti delicati, attraverso i quali non conta giocare col Milan o con il Monopoli. Occorre che tutte le componenti remino verso la medesima direzione”. Sulle sue condizioni fisiche, il ‘gigante’ di Matera aggiunge: “Ho carichi di lavoro importanti sulle gambe, ce la sto mettendo tutta per essere al 100% nel più breve tempo possibile. Oggi ho svolto il primo allenamento con la squadra”.

Il difensore Carlo Pelagatti, oltre a sottolineare la gioia per essere approdato ai piedi dell’Etna, enfatizza il concetto di rimanere con i piedi ben piantati per terra: “Nel giro di un’ora ho accettato Catania, preferendo trasferirmi qui piuttosto che totalizzare poche presenze in B con l’Ascoli. L’ex rossoazzurro Berrettoni mi ha parlato molto bene di Catania, suggerendomi di accettare il trasferimento senza alcuna esitazione. Nel giro di poco tempo mi sono accorto che faccio parte di un gruppo molto unito, prova ne sia che abbiamo vinto le prime due partite esterne nonostante le difficoltà. Una volta azzerata la penalizzazione, comincerà il vero campionato del Catania. La strada verso la salvezza è ancora lunga, ora concentriamo tutte le nostre attenzioni sull’Ischia, consapevoli che ci attendono numerose battaglie sul campo. L’entusiasmo dei tifosi ci darà una carica in più”. 

Commenti