Palermo: debutto al Biondo dei minori stranieri di ItaStra

Palermo: debutto al Biondo dei minori stranieri di ItaStra

PALERMO – Promuovere l’idea di cittadinanza basata sull’apertura culturale e sull’inclusione linguistica, è questo il nobile obiettivo della rappresentazione teatrale prevista per giovedì prossimo al Biondo di Palermo.

Protagonisti di “Echi della lunga distanza”, spettacolo ideato dal regista e narratore iracheno Yousif Latif Jaralla, che racconta storie di ragazzi che hanno attraversato il Mediterraneo per sfuggire alla guerra, sono i migranti minorenni. Giunti in Italia senza genitori, seguono gratuitamente i corsi di lingua e cultura italiana della Scuola di Lingua italiana per Stranieri ItaStra dell’ateneo palermitano.

5

Si tratta di un’opera teatrale che fotografa esperienze di vita. Storie vere di chi ce l’ha fatta, ha sfidato l’oceano affrontando difficili e drammatici momenti pur di raggiungere il vecchio continente.

È tutto pronto, quindi, per lo spettacolo che alle 17 del 3 dicembre inaugurerà l’anno accademico del dottorato in “Studi letterari, filologico-linguistici e storico culturali” all’interno del dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università di Palermo.

In platea anche più di 20 scrittori che dopo lo spettacolo, a partire dalle suggestioni provate durante la performance, creeranno un testo sul tema dell’immigrazione. Tutti i lavori, infatti, saranno raccolti in un’antologia curata dalla Scuola.

Parliamo di un pomeriggio all’insegna della riflessione guidata dagli interventi di Tullio Telmon, linguista e dialettologo, e Franco Lorenzoni, maestro che ha fondato Casa-laboratorio di Cenci, un centro di sperimentazione educativa e di ricerca sui temi ecologici, scientifici, interculturali e di inclusione.

Nel corso della manifestazione saranno anche consegnati gli attestati Cils (Certificazione di Italiano come lingua straniera) alle donne migranti del progetto Fei “I Saperi dell’Inclusione”, che hanno superato brillantemente l’esame dopo aver seguito i corsi di lingua e cultura italiana di ItaStra.

Commenti