Catania, Palco Off per la quarta volta fuori dagli schemi

Catania, Palco Off per la quarta volta fuori dagli schemi

CATANIA – Giunti ormai alla quarta stagione, Palco Off dimostra di aver riscosso parecchio successo e di non essere mai banale nelle sue scelte artistiche. 

L’obiettivo di questa iniziativa, nata nel 2012 con la direzione artistica di Francesca Vitale e quella organizzativa di Renato Lombardo, è quello di essere fuori dagli schemi. E quest’anno, la proposta è quella di analizzare, attraverso le rappresentazioni teatrali, alcuni temi caldi dell’ultimo anno solare, come l’immigrazione o il femminicidio.

Le messinscena si divideranno tra il Teatro del Canovaccio, il Teatro Tezzano e il Teatro Libero di Milano, una vera esclusiva per questa nuova stagione. 

Grande rilievo assumeranno due produzioni interessanti: “Sugnu o non Sugnu – una notte insonne in casa Shakespeare”, che vedrà salire sul palco anche Francesca Vitale e che sarà protagonista nei giorni 3, 4, 5, 6, 10, 11, 12 e 13 marzo 2016. Altra realizzazione interessante è “Virginedda Addurata”, basata su un fatto di cronaca sul tema del femminicidio e che andrà in scena il 5, 6, 7, 8, 12, 13, 14 e 15 maggio 2016.

A queste si aggiunge “Misura per Misura”, che l’8 ottobre aprirà ufficialmente Palco Off e che si ripeterà il 9, 10, 11, 15, 16, 17 e 18 dello stesso mese. 

Infine, tra le altre tematiche che arricchiranno il repertorio ci saranno la diversità e solidarietà di “Giacominazza” (13 e 14 novembre) di Luana Rondinelli, “‘A testa sutta” (12 e 13 febbraio) di Luana Rondinelli e con Giovanni Carta, la tragedia dell’immigrazione di “Nel mare ci sono i coccodrilli” (22 e 23 gennaio), tratto dal libro di Fabio Geda, il degrado di certe realtà e i suoi risvolti comici di “Dieci” (11 e 12 dicembre).

In tutto questo quadro si inseriranno anche dei momenti musicali e magici, come la poesia del vivere di “Cuore Nero” (8 e 9 aprile) di Aldo Rapè.

Commenti