Primo novembre: arrivano gli zombie a Palermo

Primo novembre: arrivano gli zombie a Palermo

PALERMO – Attenzione, è solo un gioco. Ma il primo novembre, per una notte, Airsoft City si trasformerà in “Zombieland”. Una serata di festeggiamenti diverrà improvvisamente una lotta per la sopravvivenza e solo i più scaltri, i più veloci e i più coraggiosi vedranno l’alba.

Airsoft City è una struttura nata a Palermo per portare ad un nuovo livello la pratica del softair, l’ormai famosa disciplina di simulazione di combattimenti in cui si usano dispositivi giocattolo che riproducono armi da fuoco ma che sparano innocui pallini di plastica.

Danilo Siragusa, responsabile dell’enorme campo da gioco – circa 15.000 mq – situato in via Beato Angelico 101 e ideatore dei vari eventi tematici che vi si svolgono, stavolta si è ispirato al florido filone survival horror che ha fatto la fortuna di videogame come Resident Evil o serie tv del genere di The Walking Dead.

Forte di un’esperienza più che ventennale come giocatore di softair, Danilo ci spiega: “La serata inizierà con un party in stile Halloween ma ad un certo punto, con l’ausilio di apposite guide dette master e figuranti professionalmente truccati da zombie, la cena e i brindisi saranno interrotti ed inizierà un gioco di ruolo, dal vivo e dinamico. I partecipanti al party, che saranno quindi in abiti civili e “disarmati”, dovranno raggiungere i luoghi indicati, trovare oggetti e risolvere enigmi nel tentativo di sfuggire all’orda di non-morti”.

Il giorno scelto, ovviamente, non è casuale e conferma che, grazie soprattutto a film e telefilm americani, questa festa anglosassone, di probabile origine celtica, ha sempre più seguito in Italia e che ormai, a Palermo, fa concorrenza alla più tradizionale Festa dei morti del 2 Novembre.

Gli amanti del brivido che vorranno mettersi alla prova, evitando di essere catturati per non diventare zombie a loro volta, possono chiamare il numero 334 399 0292 per prenotare la loro partecipazione al gioco e per avere ulteriori informazioni ed istruzioni.

Davide Bologna

Commenti