Al Centro Culture Contemporanee di Catania “Ode all’uomo fragile”

Al Centro Culture Contemporanee di Catania “Ode all’uomo fragile”

CATANIA – Dopo il successo dello scorso anno, la Esklan Art’s Factory porta a Catania la nuova produzione della coreografa Erika Silgoner “Ode all’uomo fragile”. Due le repliche in programma da Zo Centro Culture Contemporanee, sabato 24 giugno alle ore 21 e domenica 25 giugno alle ore 18,30. Danzatrice di eleganza assoluta, insegnante di rara sensibilità ma sopratutto coreografa tra le più creative ed innovative del panorama nazionale ed internazionale, Erika Silgoner è nota per il suo inconfondibile timbro che riesce a rapire lo spettatore in un susseguirsi di momenti coreografici perfettamente concatenati dove la consistenza del gesto si fa melodia del movimento guidando i danzatori con uno stile unico in una continua ricerca coreografica.

LO SPETTACOLO. Un’indagine sull’incapacità ormai dilagante di ascoltare l’altrui pensiero, sull’inabilità di gioire di successi che non siano i propri o di ammettere l’altrui valore per la paura di uscirne con il proprio ego in frantumi. Conduttore delle dinamiche dello spettacolo è il mediocre per eccellenza, colui che si cela dietro un’apparente sicurezza. In scena provoca, giudica, mortifica e, senza scrupolo, ferisce gli altri protagonisti da lui etichettati come inutili e mediocri, diventando così portavoce di un’attitudine disarmante e distruttiva, atteggiamento ormai largamente diffuso. Egli rappresenta quella tipologia d’uomo in continua ricerca di conferme, avido di lusinghe e mai disposto ad elargirne. Questo non volersi mettere in discussione, questa ingenerosità di fondo, mette in luce una società ormai spaventata dal confronto, insicura rispetto al proprio valore, abituata ad aver paura… mollemente adagiati su una vita che critichiamo, che vorremmo cambiare, ma della quale ci accontentiamo perché rivoluzionarla ci metterebbe davanti ad uno specchio, quello specchio che il nostro conduttore ritrova in ogni persona che attacca, quello specchio in cui puntualmente ritrova il vero Essere insignificante, l’unica persona della quale ha realmente paura, SE STESSO.

INTERPRETI. Chiara Corradi, Noemi Dalla Vecchia, Gloria Ferrari, Salvo Alicata, Andrea Di Matteo, Giacomo Perfett, Antonio Taurino.

Commenti