A Catania i “Balconi in cornice” di Guglielmo Ferro

A Catania i “Balconi in cornice” di Guglielmo Ferro

CATANIA – Affacciarsi al balcone e immaginare il futuro del Sud e della Sicilia, interrogarsi su ciò che sarà e diverremo. Su cosa faremo e dove ci porteranno i nostri passi di oggi, i pensieri, le parole, i batticuori. È il fil-rouge di “Balconi in cornice”, la performance diretta dal regista Guglielmo Ferro per il Festival I ART che sabato 19 e domenica 20 settembre, a Catania, conclude il calendario del Festival I ART. Appuntamento nell’atrio di Palazzo degli Elefanti. Due gli spettacoli ogni sera: il primo alle 21, il secondo alle 22.15. L’ingresso è libero.

3

Di scena un cast pluridisciplinare che mette insieme musicisti classici e contemporanei; ballerini, scrittori e drammaturghi: un melting-pot di arti contemporanee che, attraverso i loro linguaggi, risvegliano e assecondano il potere più esaltante in dote a ogni essere umano: la capacità di sognare, il futuro proprio e altrui. Diretti da Guglielmo Ferro, saranno i cantanti Mario Venuti, Simona Di Gregorio, Rita Botto (accompagnata da Giuseppe Finocchiaro); gli attori Franco Oppini, Barbara Giordano; la compagnia di danza Mnai’s; il musicista Massimiliano Pace; Umberto Guidoni, il primo astronauta europeo a viaggiare nello spazio. Proiezioni in videomapping a cura di Luca Orazio Pulvirenti.

2

“Balconi in cornice” è un progetto multidisciplinare e inedito, concepito proprio per I ART. Ha come tema il futuro e traduce in un autentico momento di spettacolo il quotidiano gesto di affacciarsi, rituale frequente nelle comunità del Sud, dove le case hanno balconi per godere del sole e del bel tempo. Il balcone, insomma, diventa un pretesto per “guardare oltre”, per guardare al futuro possibile della Sicilia e della sua gente: un futuro fatto di sogni e domande, di desiderio di esplorazione e di conoscenza, di voglia di essere e fare, di condividere il proprio tempo con l’altro, voglia di amare. Un futuro che la regia di Ferro interpreta attraverso diverse discipline artistiche e che, grazie alle proiezioni in videomapping, viene tratteggiato con scenografie digitali ispirate all’arte dei futuristi come Boccioni, Prampolini e Balla. Ogni performance dura circa 40 minuti.

1

“Balconi in cornice”, a cura dell’associazione Gesti, è inserito nel cartellone del Festival I ART, il grande contenitore di eventi multidisciplinari che fa parte dell’omonimo progetto comunitario ideato e diretto da I World e con il Comune di Catania ente capofila.

Commenti