“Green Game”: il progetto sulla raccolta differenziata sbarca in tv

“Green Game”: il progetto sulla raccolta differenziata sbarca in tv

TRAPANI – Il Progetto di E-Learning, “Green Game”, che sta conquistando la Sicilia per la sensibilizzazione dei più giovani alla corretta raccolta differenziata, diventerà una trasmissione televisiva e andrà in onda sul piccolo schermo da lunedì 9 novembre.

“Green Game” sarà condotto da Alvin Crescini e verrà trasmesso nei seguenti canali:  VIDEOMEDITERRANEO canale 11 alle ore 14.45 e alle ore 19.10; MEDITERRANEODUE canale 274 alle ore 14.45 e alle ore 19.10; MSAT SICILIA canale 605 alle ore 16.30 e alle ore 18.15; MNEWS canale 694 alle ore 14.15 e alle ore 20.00 e su SKY canale nazionale 823 alle ore 14.45 e alle ore 19.10.

Nella prima settimana, le scuole protagoniste saranno: lunedì 9 il Liceo R. Salvo di Trapani; martedì 10 l’Istituto Tecnico Nautico M. Torre di Trapani; mercoledì 11 l’Istituto Tecnico Commerciale Foderà di Agrigento; giovedì 12 il Liceo Scientifico Leonardo di Agrigento e venerdì 13 il Liceo Classico Giovanni XXIII di Marsala (TP).

green game

Green Game è un’iniziativa dei Consorzi Nazionali per la Raccolta, il Recupero ed il Riciclo degli Imballaggi in: Alluminio (Consorzio Cial), Carta (Consorzio Comieco), Plastica (Consorzio Corepla), Vetro (Consorzio Coreve), Acciaio (Consorzio Ricrea) e Legno (Consorzio Rilegno).

I 6 Consorzi Nazionali operano in tutta Italia per raggiungere i risultati di riciclo fissati dalla Comunità Europea. La Sicilia, in tal senso, non solo per la popolazione, ma anche per la sua rilevanza sociale, economica e culturale, riveste un ruolo sempre maggiore tanto che i Consorzi, negli ultimi anni, hanno svolto numerose iniziative nella regione ed investito molte energie.

La scelta di intraprendere un progetto didattico nella Scuole Superiori di II Grado nasce dalla consapevolezza che l’età formativa compresa fra i 14 e 19 anni consente non soltanto un approccio più maturo e responsabile alle tematiche dei rifiuti ma offre anche diversi spunti di riflessione per trovare nuovi canali di comunicazione con i cittadini.

Commenti