Catania, il 10 luglio workshop all’Università sulle aree marine protette

Catania, il 10 luglio workshop all’Università sulle aree marine protette

CATANIA – Ben 27 aree marine protette e due parchi sommersi già istituiti in Italia a tutela di 228 mila ettari di mare e 700 chilometri di coste. Aree marine protette che sono state istituite negli ultimi 25 anni dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare per le particolari caratteristiche naturali, geomorfologiche, fisiche, biochimiche con particolare riguardo alla flora e alla fauna marine e costiere e per l’importanza scientifica, ecologica, culturale, educativa ed economica che rivestono.

Da sempre le Amp (ben 6 i Sicilia: Isole Ciclopi, Plemmirio, Isole Pelagie, Isole Egadi, Ustica e Capo Gallo Isola delle Femmine) sono considerate uno dei principali strumenti strategici per la protezione degli ambienti marini e della loro biodiversità nonostante le difficoltà gestionali e di sensibilizzazione dell’opinione pubblica incontrate negli anni.

Tematiche che saranno oggetto del workshop “Le Aree Marine Protette: una scommessa da vincere” in programma venerdì 10 luglio, dalle 9,30, nell’aula Santo Mazzarino del Monastero dei Benedettini, organizzato dal Cutgana dell’Università di Catania e dal Consorzio di gestione Isole Ciclopi dell’Area marina protetta Isole Ciclopi (costituito dall’Ateneo di Catania e dal Comune di Aci Castello) con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente.

Esperti del settore, nel corso del workshop, analizzeranno lo stato dell’arte delle aree marine protette italiane, i problemi di gestione e le prospettive future.

L’evento rappresenta anche un’occasione per avanzare spunti di riflessione per risolvere problematiche che si innescano, inevitabilmente, anche con un insieme di interessi socio–economici spesso contrastanti dei territori in cui insistono le Amp.

Dopo i saluti del presidente dell’Amp Isole Ciclopi, Agata Di Stefano, e del direttore del Cutgana, Giovanni Signorello, interverranno il direttore dell’Arpa Siracusa, Gaetano Valastro, i docenti Giuseppina Alongi e Giuseppe Mancini, e gli esperti del Cutgana, Saverio Sciandrello e Francesca Del Zoppo.

A seguire i direttori delle aree marine protette Isole Ciclopi (Emanuele Mollica), Plemmirio (Rosalba Rizza), Punta Campanella (Antonino Miccio) e Isole Egadi (Stefano Donati). Nel corso dei lavori saranno presentati lo spot istituzionale dell’Amp Isole Ciclopi ed il tour virtuale della Riserva naturale integrale Isola Lachea e Faraglioni dei Ciclopi.

Alle 16 sarà inaugurata, nei locali dell’Orto botanico, la mostra “Il tesoro dei Ciclopi”. Alle 17, ad Aci Trezza, sarà possibile visitare la Rni Isola Lachea e Faraglioni dei Ciclopi ed ammirare il fondale dell’Amp Isole Ciclopi grazie al battello con il fondo trasparente. Alfio Russo – Cutgana, Università di Catania

Commenti