La lotta contro l’endometriosi si può vincere con un team multi-specialistico

La lotta contro l’endometriosi si può vincere con un team multi-specialistico

Giuseppe_Ettore

L’endometriosi è una malattia benigna che colpisce le donne in età fertile, spesso le ragazze a partire da pochi anni dopo il menarca. Si verifica per la presenza di tessuto endometriale, quel tessuto che si trova all’interno dell’utero e che fuoriesce con la mestruazione al di fuori dell’utero, all’interno dell’addome; le cellule presenti in questo tessuto si attaccano agli organi addominali quali la parete uterina, l’ovaio, le tube, il peritoneo, l’intestino, la vescica etc. Ancora oggi non si conosce la causa del perché ciò avvenga (etiologia) ma, si sa tanto su come la malattia si sviluppi e si diffonda (patogenesi). 

L’endometriosi può provocare dolori mestruali o addominali al di fuori della mestruazione, molto forti e continui o non dare alcun dolore, può determinare infertilità o essere scoperta per caso in donne che hanno già avuto più figli. E’ una malattia che non ha regole. Colpisce circa il 10% delle donne in età fertile, ma si addormenta durante la gravidanza e dopo la menopausa.
Date queste strane caratteristiche è spesso difficile da parte dei medici, anche ginecologi, diagnosticarla; spesso occorrono dai 5 agli 8 anni prima che venga diagnosticata a donne che si rivolgono al medico perché affette da dolore. Invece la diagnosi precoce è importante per combatterla e trattarla nel migliore dei modi.

La terapia principale è chirurgica: asportazione delle cisti ovariche, del peritoneo interessato, degli eventuali noduli che può formare e delle aderenze che determina. La terapia medica, invece, è utile per controllare il dolore e per ridurre la possibilità di recidive (ripresa della malattia dopo l’asportazione chirurgica).
Al fine però di diagnosticare in tempo la malattia, di gestirla nel modo migliore, è necessario affrontarla con un’equipe multidisciplinare. L’endometriosi presenta, spesso, caratteristiche clinico-patologiche complesse, per cui il suo trattamento necessita di elevata competenza ginecologica specifica e di una piena e costante integrazione tra diverse figure professionali con competenza specifica che comprendono oltre al ginecologo il chirurgo generale, il radiologo, l’anatomopatologo, l’urologo, il neurologo, l’endoscopista digestivo e lo psicologo.

Inoltre a supporto delle tematiche sanitarie degli ultimi anni, associazioni onlus di pazienti volontarie hanno affiancato ed integrato il team multidisciplinare rendendo il più possibile appropriato il sostegno sanitario e sociale.

L’adeguato intervento multidisciplinare è elemento irrinunciabile per il corretto trattamento di tale patologia e tutto questo è possibile in quelle strutture in cui sono presenti contemporaneamente diverse figure professionali. I vantaggi di completare un piano terapeutico nella stessa struttura ospedaliera sono: una migliore comunicazione, un minor rischio di perdere informazioni, un minor numero di sanitari coinvolti nella terapia, un minor rischio di ritardo sulla decisionalità di variazioni del piano terapeutico con ripercussioni sulla qualità delle cure. Ad un ambulatorio di questo genere è oggi data, dalla comunità scientifica internazionale, una grande importanza al fine della corretta gestione della malattia e della riduzione degli interventi chirurgici inappropriati.

Presso l’ARNAS Garibaldi Nesima di Catania esiste dal 2004 l’ambulatorio dedicato per la diagnosi, cura e follow-up dell’endometriosi, integrato con tutti i servizi necessari allo scopo.
Per ottenere una visita, in caso di sospetto di endometriosi, è sufficiente prenotare al numero verde del centralino aziendale 800 811 129.

Ogni donna con dolore pelvico cronico non deve, dunque, considerarsi sola, deve parlarne col proprio medico, può rivolgersi ad un’associazione di volontariato o contattare direttamente un ambulatorio come il nostro. Deve sapere che esistono delle èquipe multidisciplinari che possono aiutarla nell’affrontare e sconfiggere questo male.

Giuseppe Ettore, Direttore del dipartimento materno infantile
Michele La Greca, Responsabile dell’ambulatorio di endometriosi Ospedale Garibaldi Nesima.

Commenti