Ingv e Guardia Costiera insieme sorvegliano Etna e Stromboli

Ingv e Guardia Costiera insieme sorvegliano Etna e Stromboli

CATANIA – “Un incontro davvero produttivo” sono queste le parole con cui il direttore dell’Ingv-Osservatorio Etneo, Eugenio Privitera, ha descritto la visita alla base aeromobili della Guardia costiera di Catania.

In questa occasione Privitera ha potuto scambiare delle parole con il comandante, capitano di vascello Alfio Distefano, per la prima volta in seguito all’inizio della collaborazione tra le due amministrazioni.

In questi mesi, infatti, la base aeromobili della Guardia Costiera di Catania ha supportato l’Ingv nelle azioni di sorveglianza per aiutare, attraverso strumenti avanzati, nel monitoraggio dei vulcani della consistente attività eruttiva dell’Etna e dello Stromboli. La cooperazione è frutto di un protocollo d’intesa stipulato a livello nazionale tra il comando generale del Corpo delle Capitanerie di Porto e l’Ingv.

etna

In particolare, sono stati programmati una serie di voli con elicotteri assegnati al 2° Nucleo aereo G.C., imbarcando personale della sezione Ingv di Catania. I ricercatori così hanno potuto effettuare non solo rilievi termici, mediante telecamera portatile a infrarosso, ma anche rilievi fotografici dell’attività eruttiva in corso.

L’acquisizione di tale materiale – ha spiegato Privitera – consente di  monitorare lo sviluppo dei campi lavici che si formano nel corso di un’eruzione e ciò è fondamentale nella costruzione di una mappatura e per fare una stima del volume della materiale emesso durante l’eruzione”.

Anche il Capitano Alfio Di Stefano si è mostrato soddisfatto della collaborazione e dell’attività svolta soprattutto nel mese di agosto. Fondamentale l’intervento della centrale operativa del comando generale del Corpo delle Capitanerie di Porto di Roma, che ha disposto l’attività di volo con i mezzi della componente di volo della Guardia Costiera.

Sono già stati stabiliti i futuri incontri, il primo dei quali avverrà la prossima settimana presso la Sezione dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) di Catania.

Commenti