Pozzallo, la sinistra in cerca di “contaminazione” per nuovi progetti

Pozzallo, la sinistra in cerca di “contaminazione” per nuovi progetti

POZZALLO Un Pd acchiappatutto (e tutti) con un Renzi rottamatore della sinistra storica e Raciti propenso ad allargare le alleanze anche con l’Ncd ha portato a una frammentazione che dall’estremo lembo della Sicilia orientale si è cercato di ricomporre.

A Pozzallo ieri pomeriggio l’evento, chiamato “ContaminAzione”, ha visto la partecipazione dello scrittore, regista e attivista politico Moni Ovadia, della deputata di Sel Serena Pellegrino, del senatore del movimento “Italia Lavori in Corso” Francesco Campanello, della componente del comitato nazionale dell’Altra Europa Olga Nassis e del segretario regionale di Sel Massimo Fundarò.

Ad animare il dibattito due distinte tavole rotonde, con gli interventi del pubblico presente nella sala “Meno Assenza”, sulla prospettiva della sinistra in provincia di Ragusa e a livello nazionale. Moni Ovadia nel suo intervento ha rilanciato l’idea di una nuova spinta aggregatrice che metta insieme le diverse anime della sinistra italiana per poter offrire una alternativa concreta al governo di Renzi.

Il sindaco di Messina Renato Accorinti ha inviato un messaggio agli organizzatori annunciando che anche nella sua provincia sarà riproposta l’esperienza di ContaminAzione.

Sono stati sei i tavoli tematici che hanno affrontato – anche alla luce della recente tornata elettorale – temi come il lavoro, lo sviluppo economico e sociale sostenibile, i diritti umani e i beni culturali.

Si è discusso anche di ambiente e rifiuti, di sviluppo economico, agricoltura e infrastrutture, di beni culturali e saperi, di diritti e stato sociale, di buona sanità e di diritti degli animali. 

Presente anche Valentina Spata, civatiana doc, ed esponente della nuova formazione Possibile. 

 

Commenti