Grandi manovre per il Crocetta quater, Castiglione (Ncd): “Non saremo in giunta”

Grandi manovre per il Crocetta quater, Castiglione (Ncd): “Non saremo in giunta”

PALERMO – Rosario Crocetta ha confermato l’azzeramento politico della giunta ed entro sabato potrebbero esserci già i nomi per la formazione del nuovo governo, il quarto in tre anni.

Ridda di voci su un probabile ingresso in giunta degli alfaniani in un momento in cui si sta cercando la quadratura del cerchio per formare una squadra di assessori che possa arrivare, senza patemi stavolta, sino alle elezioni.

Secondo le prime voci in giunta entreranno le varie correnti del Pd, esponenti Udc, di centro e un uomo vicino al partito di Alfano.

Ma il sottosegretario Ncd Giuseppe Castiglione frena: “Il nostro è un no all’ingresso in giunta, ma un sì alla Sicilia e a una nuova stagione di riforme”.

“Ribadiamo la nostra posizione a favore della Sicilia. Non ci interessa – aggiunge Castiglione – questo eterno dibattito congressuale interno al Pd e riteniamo positivo che il presidente della Regione, attraverso il varo di una nuova Giunta, voglia dare finalmente risposte alle tante emergenze. Valutereremo dalla effettiva capacita’ riformatrice del nuovo esecutivo, il nostro atteggiamento, ma nessun ingresso dell’Ncd”.

Intanto oggi a Catania si presenterà la neonata formazione Sicilia Futura con la presenza del renziano Davide Faraone e del vice presidente dem Lorenzo Guerini.

Protagonisti della nuova ala renziana saranno Totò Cardinale e Nicola D’Agostino, che sarà il coordinatore regionale. 

Però il segretario provinciale del Pd etneo Enzo Napoli scrive: “Leggo di una nuova corrente di “renziani” costituita fuori dal PD. Siccome, da quanto mi risulta, Renzi è il segretario nazionale del PD, prendo atto che siamogià al partito federato. In pratica è come dire che la Juventus e l”Udinese sono la stessa squadra pur militando nello stesso campionato”.

Commenti