A giudizio ex dirigente Corsello. E rito abbreviato per Patrizia Monterosso

A giudizio ex dirigente Corsello. E rito abbreviato per Patrizia Monterosso

PALERMO – Rinvio a giudizio per Anna Rosa Corsello, ex dirigente regionale. E non è la prima volta. 

Accusata di un maxi peculato da ben 11 milioni di euro legato agli extra-budget della formazione professionale insieme con il segretario generale della Regione, Patrizia Monterosso, l’ex dirigente regionale ha scelto il giudizio ordinario. 

Monterosso invece, assistita dagli avvocati Nino Caleca e Roberto Mangano, ha intrapreso la strada del rito abbreviato che inizierà l’11 maggio.

«Non ho avuto alcuna influenza sulle procedure adottate da Anna Rosa Corsello. Sono completamente estranea a questa vicenda», ha detto la Monterosso al gup Fabrizio Molinari.

Corsello, difesa dall’avvocato Salvatore Modica, ha dal canto suo ribadito la sua innocenza sostenendo di aver agito sempre nel rispetto della legge e di avere protetto gli interessi dell’amministrazione. 

Commenti