Catena solidale da parte degli esponenti della politica per l’assessore Baccei

Catena solidale da parte degli esponenti della politica per l’assessore Baccei

PALERMO – Si allarga a macchia d’olio l’indignazione per le minacce recapitate ieri all’assessore regionale all’economia, Alessandro Baccei

La lettera, sicuramente scritta da un pc, è stata recapitata in forma anonima nella sede principale dell’assessorato, dopo il blocco della spesa per la crisi di liquidità della Regione da parte di Baccei.  

Tra i messaggi shock indirizzati all’assessore c’era anche Baccei, farai la fine di Salvo Lima. Noi siciliani siamo stanchi di un toscano di m… nella nostra isola.

Attualmente sull’accaduto stanno indagando gli uomini della Digos nel tentativo di rintracciare i responsabili.

Dopo la pubblicazione della notizia è nata una catena solidale tra istituzioni come il presidente del Pd sicilia, Giuseppe Bruno insieme ad Antonello Cracolici, presidente del gruppo parlamentare Pd all’Ars, ringraziandolo per il servizio svolto per la regione. 

Tra questi troviamo anche Mimmo Milazzo, segretario Cisl Sicilia, che a nome della Confederazione regionale e delle Federazioni del sindacato ha dichiarato: “Esprimiamo piena solidarieta’ all’assessore all’Economia Baccei, le minacce non possono che essere condannate, serve un clima sereno per affrontare le gravi emergenze della Sicilia. “Siamo sempre pronti al dialogo costruttivo e sereno, e’ essenziale la massima distensione, condanniamo ogni tentativo di creare tensioni“. 

Non hanno fatto mancare il loro sostegno anche il parlamentare regionale Pd, Luca Sammartino, il deputato regionale di Ncd, Vincenzo Vinciullo e il deputato del Pds-Mpa all’Ars, Giovanni Greco, che ha dichiarato: “Esprimo piena solidarietà all’assessore Baccei per il vile atto intimidatorio del quale è stato vittima. È il segnale che sta svolgendo un onesto e corretto lavoro, a fronte di una situazione già emergenziale. Per questo, invito Baccei a proseguire per la sua strada e a non arrendersi“.

Commenti