Al via “Libriamoci”, per invogliare i più piccoli a tenere un libro in mano

Al via “Libriamoci”, per invogliare i più piccoli a tenere un libro in mano

CASTELLAMMARE DEL GOLFO –Libriamoci, chi legge vola in alto“. Per capire il significato di questa frase e l’obiettivo di questo progetto niente può essere più chiaro delle dichiarazioni rilasciate dal sindaco di Castellammare Nicolò Coppola e dall’assessore alla cultura Marilena Barbara. “Accrescere il desiderio di leggere, raccontare, ascoltare storie e fiabe per sviluppare la fantasia, conoscere, apprendere, crescere. È questo il nostro obiettivo”

Il progetto prevede infatti incontri alla biblioteca comunale “Barbara Rizzo, Giuseppe e Salvatore Asta” con gli alunni delle quarte e quinte classi della scuola primaria “G. Pitrè- A. Manzoni”. All’attività, promossa dal MIUR, partecipano i plessi Crispi e Pitrè di Castellammare del Golfo, plessi Battaglia, Badia e Pianoneve di Buseto, in collaborazione con il Comune di Castellammare, la biblioteca comunale di Buseto, l’associazione Culturale YO. 

All’avvio del progetto, che prosegue tutta la settimana – continua il sindaco – abbiamo accolto in biblioteca i bambini della classe V A del plesso Crispi, accompagnati dalla referente del progetto Anna Maria Varvaro, e dalle insegnanti Rita Provenzano e Pina Maria Marchese. Il progetto continuerà nel corso dell’anno scolastico con visite mensili alla biblioteca, durante le quali il responsabile della biblioteca Baldo Sabella rende ai bambini molto piacevole la conoscenza dei locali della nostra biblioteca e con le sue letture ad alta voce crea interesse e amore per i libri e per la lettura“.

L’iniziativa non riguarda solo gli alunni, a studiare infatti dovranno essere anche i prof. che parteciperanno a corsi di informazione sull’educazione alla lettura, per riflettere sulle funzioni della lettura e della letteratura, e soprattutto per invogliare sempre di più le giovani menti italiane ad innamorarsi del buon vecchio libro. 

Commenti