Spadafora: inaugurato il festival del giallo e del noir di Sicilia

Spadafora: inaugurato il festival del giallo e del noir di Sicilia

SPADAFORA – Il Contemporary art in Sicily propone una settimana tutta dedicata ai romanzi noir con “Giallo al castello. Festival del giallo e del noir di Sicilia”, che ha avuto inizio ieri al Castello di Spadafora, con l’apertura della mostra didattica “Un anno in giallo e noir in Sicilia” , in un incontro tra scrittori e studiosi incentrato sulla domanda che guiderà tutto l’evento: esiste una scuola siciliana del noir?

Questo primo appuntamento si è aperto con una discussione dal titolo “Noir di Sicilia, tra bilanci e prospettive”, a cui hanno partecipato importanti personaggi del panorama letterario del giallo, tra cui Daniela Privitera, studiosa di italianistica all’università di Roma; Antonello Carbone, giornalista e autore del romanzo “A Taormina, d’inverno”; Igor Bivona, creatore della serie di gialli comici dedicata all’ispettore Marineo e Ignazio Pandolfo, autore del thriller paranormale “L’ospite oscuro”. Ognuno di loro ha poi descritto il proprio punto di vista sul noir in Sicilia e la prospettiva ripresa nel proprio romanzo.

L’evento vedrà svolgersi numerose interessanti iniziative tra cui il laboratorio di fumetto “Noir Comics”, tenuto da Lelio Bonaccorso, uno tra i massimi esponenti in Italia dell’arte del fumetto e della graphic novel, mentre Il 28 ottobre Alberto Samonà, scrittore e discendente dell’ultima famiglia proprietaria del Castello di Spadafora, terrà il laboratorio di scrittura e storytelling “Al di là della porta”, durante il quale i partecipanti saranno invitati a costruire un racconto ambientato proprio nel Castello. Il 30 sarà la volta del laboratorio di teatro “Nero su Nero”, dove Vincenzo Tripodo condurrà uno studio scenico su “La scomparsa di Majorana” di Leonardo Sciascia. La mostra didattica “Un anno in giallo e noir in Sicilia”  rimarrà, invece, aperta tutti i giorni dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 16.30 alle 20.30, fino a lunedì 2 novembre, ultimo giorno dell’evento.

Si prevede un grande successo per l’iniziativa che ha già avuto un bilancio positivo grazie, probabilmente, all’abilità degli organizzatori, tra cui Fulvia Toscano, impegnata da sempre nella promozione di eventi culturali e iniziative di natura letteraria. “Luoghi come il Castello – ha dichiarato nel corso dell’inaugurazione – sono la casa comune della cultura e come tali vanno vissuti. Con i laboratori creativi in programma durante il festival e con gli incontri con gli scrittori siciliani vogliamo che il pubblico viva l’esperienza del noir, un genere che in Sicilia rappresenta il punto di confluenza tra l’elemento realistico e una tradizione immaginifica”.

Il contemporary art in Sicily arriva così a metà della sua programmazione e si può già affermare come stia riuscendo nel suo intento di valorizzare il patrimonio artistico-culturale siciliano e registra una valenza del tutto positiva sul territorio. Ranieri Wanderlingh, ideatore e consulente artistico della rassegna, ha sottolineato come Spadafora sia diventata, grazie a Contemporary art,  “un polo di interesse culturale per la provincia di Messina”, riuscendo a esplorare i vari ambiti e i vari codici dell’arte contemporanea siciliana.

 

 

 

Commenti