“L’Epifania tutte le feste porta via”, chi è la Befana?

“L’Epifania tutte le feste porta via”, chi è la Befana?

CATANIA – Siamo agli sgoccioli di queste lunghe vacanze durante cui vi abbiamo dolcemente accompagnato, raccontandovi tradizioni, cibi, storie e riti. Purtroppo però, si sa, “l’Epifania tutte le feste porta via”.

Chiunque ha sentito parlare di quella vecchietta che riempie le calze di dolci e caramelle per i bimbi più buoni e di carbone per quelli più monelli, e tutti certamente conoscono la famosa filastrocca “La Befana vien di notte – con le scarpe tutte rotte – con le toppe alla sottana – viva viva la Befana!”. Ma la domanda è: da dove esce fuori questa Befana? 

Le leggende sono tante e quasi tutte hanno origine pagana. Secondo una tradizione romana, la Befana è legata alla figura di Madre Natura e rappresenta in particolare la morte e la rinascita della natura con l’anno nuovo, una figura femminile che vola sui campi coltivati per augurare fertilità per i futuri raccolti. Similmente anche la mitologia germanica vede la Befana come la personificazione della natura “invernale”.

Non ci vuole molto tempo perchè questa figura pagana venga associata a quella di una strega, malvista dalla Chiesa medievale e rappresentata vecchia, brutta e sempre a bordo di una scopa volante. 

La Befana, dunque, si adatta e assume anche significato cattolico. Viene calata in un contesto biblico, dove diventa la vecchietta che incontra i Re Magi sulla loro strada verso Gesù e gli indica la strada. L’anziana donna rifiuta di seguirli e il giorno dopo se ne pente, iniziando la ricerca di Gesù e girando casa per casa con dei dolcetti per ogni bambino.

Ma non è finita qui, la vecchiaia che da sempre caratterizza la Befana è simbolo di ben altro. Per alcuni, rappresenta l’anno vecchio, per questo in molti paesi europei, durante l’epifania, si bruciano fantocci vestiti di abiti sgualciti che rappresentano la fine dell’anno e ci si scambia regali con valore propiziatorio per l’anno nuovo. Ma attenzione! Niente regali ai bambini che si sono comportati male, per loro solo le ceneri e il carbone dell’anno passato. 

Commenti