Inaugurata all’Eco Museo del Castagno di Fornazzo rassegna “Sulle fronde”

Inaugurata all’Eco Museo del Castagno di Fornazzo rassegna “Sulle fronde”

MILO – Inaugurata con successo, all’Eco Museo del Castagno di Fornazzo, la prima edizione di “Sulle fronde” (rassegna di musica, poesia, teatro e creatività) a cura di Laura Cavallaro e Grazia Calanna presentata dall’associazione culturale “Donne d’Europa” e dal Comune di Milo.

Dopo i saluti del sindaco Alfio Cosentino e delle curatrici della rassegna Laura Cavallaro e Grazia Calanna, l’indiscussa protagonista della serata è stata Ginevra Gilli che ha catalizzato l’attenzione del presenti con il suo spettacolo (concerto di arpa celtica e voce) intitolato “I canti delle fate”.

Arpa fornazzo

Per l’occasione i presenti hanno potuto degustare una ricca selezione di vini locali: “Barone di Villagrande (Etna Bianco doc, Superiore 2016, Carricante), I Vigneri (Aurora 2014, Carricante), Nuna (Etna Bianco 2015, Carricante) e Benanti (Nerello Cappuccio 2015, Nerello Cappuccio).

Prossimi appuntamenti in programma: la poesia con Versi Inazzurrati, lettura di liriche con Eugenio Patanè e Giovanna Fortunato (Domenica 16 Luglio 2017 ore 20.30); Teatro: Pièce teatrale di Francesco Russo, testi tratti dall’opera teatrale “Mistero Buffo” di Dario Fo (Sabato 12 Agosto 2017 ore 20.30); Creatività: Laboratori di manipolazione artistica e scrittura creativa per ragazzi dai 6 ai 13 anni (Sabato 26 Agosto 2017 ore 17.00).

In occasione del prossimo appuntamento (fissato come detto il 16 Luglio 2017) intitolato “Versi Inazzurrati” gli attori Eugenio Patanè e Giovanna Fortunato leggeranno una ricca selezione di versi  dei poeti: Vivian Lamarque, Gianni Rodari, Toti Scialoja, Sabrina Giarratana, Eugenio Montale, Roberto Piumini, Primo Levi, Luigia Sorrentino, Alfonso Gatto, Chandra Livia Candiani, Evelina De Signoribus, Danilo Dolci, Antonia Pozzi, Pietro Russo, Milo De Angelis, Margherita Rimi, Mariangela Gualtieri, Giuseppe Condorelli, Umberto Saba, Maria Attanasio, Roberto Deidier e Bartolo Cattafi.

Commenti