Gloriana Orlando e il segreto del “palindromo”

CATANIA –  Il  palazzo Platamone come non mai merita di essere chiamato palazzo della cultura: vuoi per i libri accatastati sulle bancarelle, sotto i portici, o per i crocicchi, sia di giovani che di anziani, tra le sedie ordinatamente in fila, in parte occupate davanti ad una piccola pedana che ospita, a turno, gli autori ed i coraggiosi commentatori che, superando il rumore di fondo del chiacchiericcio, espongono trama, contenuti e riflessioni  sulle opere presentate.

copertina okGloriana Orlando1

 

È il Buk Festival che concede il palcoscenico, stavolta, a Gloriana Orlando ed al suo “E noi sull’illusione”, edito da A&B. Accanto a lei Mariagrazia Coppolino, docente di lettere al liceo, che comincia a svelare al pubblico, tra la recita di qualche brano di Daria Luppino e le note della fisarmonica di Luigi Luca, il mistero di una creazione letteraria. Ecco le sue annotazioni:

Gloriana Orlando, Mariagrazia Coppolino e Daria Luppino

Gloriana Orlando, Mariagrazia Coppolino e Daria Luppino

Un romanzo di introspezione che si presenta come un giallo distinto in due sezioni: la prima è il diario della vittima, da leggere all’incontrario, come un palindromo (d’altronde anche il titolo del romanzo è un palindromo); la seconda è la vera e propria indagine sul colpevole.

A condurre l’inchiesta sono due donne, e anche la vittima è una donna. Ma il romanzo non indaga solo su un femminicidio: come suggerisce il titolo è l’illusione ad essere uccisa, e naturalmente l’illusione delle donne sugli uomini.

Gli uomini infatti appaiono tutti come figure inconsistenti, incapaci di passioni e di slanci, senza sentimenti autentici, addirittura pervertiti. E le donne? Nonostante l’emancipazione non si sono forse emancipate da se stesse, dall’inguaribile malattia che le porta con ostinazione ad illudersi e a venire inevitabilmente disilluse.

Romanzo pessimista quindi? Non proprio se, come afferma l’autrice, le donne trovano comunque e sempre in se stesse la forza per andare avanti e “goder di quel che resta”.

pubblico

Nel dibattito che segue Gloriana svela il segreto del titolo “E noi sull’illusione”, un palindromo, cioè che si può leggere da sinistra a destra e viceversa: l’ha trovato su Google, fra migliaia di altri palindromi. Il resto, però, è opera sua.

Commenti