Trenitalia: “Accuse non veritiere, l’offerta dell’orario in vigore è stata incrementata”

Trenitalia: “Accuse non veritiere, l’offerta dell’orario in vigore è stata incrementata”

CATANIA – L’orario di Trenitalia è cambiato solo il 14 dicembre e tutto il sistema sembra andato letteralmente in tilt! 

Ritardi, treni soppressi, pendolari in protesta e ne sono esempio la storia di Valentina da Siracusa e Tania da Roccapalumba, ma la situazione ad oggi com’è? 

Stando al racconto di Giosuè Malaponti, presidente del Comitato Pendolari Siciliani, la situazione peggiora sempre di più sopratutto in questi in giorni di festa.

In questo frangete però Malaponti ha già provveduto a segnalare il disguido all’assessore dei trasporti, Giovanni Pistorio, senza successo.

Durante i giorni festivi, cominciando già da domani, i treni in servizio saranno solo i regionali veloci che non daranno comunque modo ai pendolari di potersi muovere in totale libertà all’interno della regione.

Non è della stessa opinione però Trenitalia che, tramite una nota stampa, fa le proprie precisazioni: “In merito alle dichiarazioni sulle presunte cancellazioni di corse regionali in Sicilia nei giorni festivi, Trenitalia precisa che l’offerta dell’orario in vigore, come richiesto dal committente Regione, è stata complessivamente incrementata rispetto alla precedente edizione e, nei giorni festivi, è rimasta quantitativamente invariata.

L’unica differenza è costituita da una diversa distribuzione dei treni nel corso delle giornate festive. In ogni caso l’azienda, su indicazioni del competente assessorato regionale, è disponibile a rimodulare il servizio in base alle necessità espresse dalla clientela“.

Commenti