Succede a Siracusa e provincia: martedì 10 gennaio POMERIGGIO

Succede a Siracusa e provincia: martedì 10 gennaio POMERIGGIO

SIRACUSA – Ecco i fatti di cronaca più importanti di questo martedì 10 gennaio pomeriggio. 

I carabinieri del Comando Stazione di Cassibile hanno arrestato in flagranza di reato Andrea Danto, siracusano di 29 anni, pluripregiudicato per reati specifici, per il reato di resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale e furto aggravato di agrumi. Il 29enne si era introdotto all’interno di un’azienda agricola di Cassibile dopo aver praticato un buco nella rete di recinzione, per poi sottrarre e caricare all’interno della sua autovettura circa 500 kg di agrumi. I carabinieri, impegnati in un servizio di controllo del territorio, insospettiti dal carico vistoso della macchina hanno tentato di effettuare un controllo, ma alla vista dei militari il soggetto si è dato alla fuga, per poi essere fermato poco lontano. Lo stesso ha inoltre morso la mano ad uno degli operanti che lo stava facendo scendere dal mezzo, provocandogli una ferita guaribile in sei giorni. Riportato alla calma, l’uomo, è stato accompagnato in caserma per le incombenze di rito e sottoposto agli arresti domiciliari, mentre l’intera refurtiva è stata restituita al responsabile dell’azienda agricola.

S

Nell’ambito di predisposti servizi finalizzati alla prevenzione e repressione di reati vari contro il patrimonio disposti dalla Compagnia di Augusta, i carabinieri della Stazione di Sortino hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, Desireè Canova di 23 anni, catanese e Rosetta Lazzaro, 33 anni, catanese, per furto aggravato in danno di due supermercati Conad del centro. Nella fattispecie, i militari, allertati dagli addetti alla sicurezza e vigilanza dei due esercizi commerciali, hanno intercettato le due donne mentre stavano lasciando il parcheggio dell’ultimo supermercato derubato, recuperando tutta la refurtiva complessiva, costituita da 13 bottiglie di liquori per un valore di 200 euro circa che veniva restituita gli aventi diritto. Espletate le formalità di rito le due donne, cosi come disposto dall’Autorità Giudiziaria di Siracusa, sono state rimesse in libertà non ravvisandosi l’esigenza di applicare nei loro confronti misure cautelari. 

lazzaro-rosetta

Una macelleria di Lentini è stata oggetto di furto da parte di alcuni malviventi che hanno asportato il registratore di cassa contenente la somma di 100 euro. Gli autori del furto hanno utilizzato l’autovettura su cui erano a bordo per infrangere la vetrata dell’esercizio commerciale ed accedere così all’interno dei locali; una volta compiuto il furto col medesimo autoveicolo si sono immediatamente dati alla fuga. Sul posto sono intervenuti i militari della locale Stazione Carabinieri e quelli dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Augusta, per raccogliere tutti gli elementi utili all’individuazione dei malviventi e dare corso alle indagini.

Continua senza sosta l’impegno delle Stazioni dipendenti della Compagnia carabinieri di Augusta, impegnate in incisive attività di controllo del territorio nella zona Nord della provincia aretusea. Proprio nelle ultime ore, il personale della Stazione di Lentini, traeva in arresto, in flagranza di reato, Gaetano Palermo, 37enne di Lentini, per violazione di domicilio con violenza sulle cose. Nella fattispecie, i militari, transitando in una via del paese, hanno sorpreso il malvivente mentre si introduceva fulmineamente all’interno di un appartamento, a cui accedeva dopo aver forzato la serratura della porta di ingresso. Nel medesimo contesto operativo, la professionalità dei militari ha permesso pure di segnalare alla competente A.G., quale indagato per il reato di favoreggiamento, D.G.B., 22enne di Lentini, fermo nei dintorni dell’appartamento intento evidentemente a fare il palo in favore del complice. L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato condotto nella propria abitazione per rimanere agli arresti domiciliari così come disposto dall’A.G. di Siracusa.

palermo-gaetano-cl-81

Icarabinieri della Stazione di Rosolini e del Nucleo Operativo della Compagnia di Noto sono intervenuti nel Comune di Rosolini per un furto consumato nel corso della notte. Due le sedi prese di mira: quella principale in piazza Masaniello e la sede distaccata di Via Tobruk. In entrambi i casi il modus operandi dei malviventi è stato analogo: dopo aver forzato una porta secondaria, gli stessi si sono introdotti all’interno degli uffici alla ricerca di denaro ed oggetti di valore. Da un primo inventario risultano asportati un computer portatile, due macchine del caffè ed una piccola somma in denaro contante. Sul posto è intervenuto personale dell’aliquota operativa per effettuare i rilievi tecnici del caso al fine di acquisire elementi utili all’individuazione dei malviventi. Sul posto anche il Comandante della Compagnia Carabinieri di Noto, Cap. Sabato Landi, che si è intrattenuto con il Sindaco assicurando il massimo impegno dell’Arma dei carabinieri per risalire agli autori del reato. Fin da subito, secondo le linee guida impartite dal Comandante Provinciale Col. Luigi Grasso, saranno intensificati i servizi di controllo del territorio.

carabinieri-comune-rosolini

Commenti