Succede a Siracusa e provincia: 9 marzo POMERIGGIO

Succede a Siracusa e provincia: 9 marzo POMERIGGIO

SIRACUSA – Carabinieri: ecco le operazioni più importanti del pomeriggio.

  • I carabinieri del Comando Stazione di Priolo Gargallo hanno arrestato Fabio De Simone, 42enne pregiudicato di Priolo, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. L’uomo, alla guida di un Fiat Doblò, è stato fermato proprio a Priolo all’altezza dello svincolo autostradale Siracusa/Catania. I Carabinieri insospettiti dalla presenza dell’uomo che era sottoposto alla sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di Priolo e dall’atteggiamento particolarmente guardingo, lo hanno immediatamente fermato. I militari, dopo una perquisizione all’interno della macchina, hanno rinvenuto un pacco, avvolto con nastro da imballaggio, contenente 5 kg di hashish in panetti da 100 gr. ciascuno. All’interno della macchina sono stati rinvenuti anche un flacone di metadone e la somma di 520 euro. L’imputato, dopo le incombenze di rito, è stato associato al carcere di Cavadonna.
Fabio De Simone

Fabio De Simone, 42 anni

  • I carabinieri della stazione di Canicattini Bagni hanno arrestato Giuseppe Sortino, 35 anni, e Angelo Monaco, 43 anni, entrambi originari di Carlentini, per il reato di rapina aggravata. I due sono stati individuati quali autori di una rapina aggravata eseguita il 6 maggio 2016 ai danni della filiale del Monte dei Paschi nel centro storico di Canicattini Bagni. Grazie alle testimonianze delle vittime, vari rilievi tecnici, la conoscenza del territorio e dei vari soggetti di interesse operativo i carabinieri della provincia di Siracusa sono riusciti a risalire ai due malviventi. Gli arrestati, espletate le formalità di rito, sono stati associati alle carceri di Ragusa e Siracusa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. 
Sortino - Monaco

Giuseppe Sortino, 35 anni – Angelo Monaco, 43 anni

  • I carabinieri della Compagnia di Augusta hanno arrestato Carmelo Lanteri, 68enne pensionato di Sortino, in esecuzione dell’ordine di carcerazione emesso l’1 marzo 2017 dal Tribunale di Sorveglianza di Ancona che ha disposto la carcerazione dovendo espiare ancora due mesi di reclusione perché riconosciuto colpevole del reato di bancarotta fraudolenta commesso a Jesi (AN) nel mese di aprile del 2004 in qualità di amministratore unico di una s.r.l.. L’arrestato, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato posto agli arresti domiciliari nella sua abitazione. 
Carmelo Lanteri

Carmelo Lanteri, 68 anni

Commenti