Succede a Catania e provincia: 25 marzo MATTINA

Succede a Catania e provincia: 25 marzo MATTINA

CATANIA – Le operazioni più importanti condotte dalla polizia e carabinieri a Catania e provincia:

  • Il 27 gennaio scorso, il personale della Squadra Mobile, nell’ambito di attività investigativa, ha accertato che Carmelo Ruscica, noto pregiudicato conosciuto come “Bananedda”, nascondeva all’interno della propria casa, nel quartiere di San Berillo Nuovo, sostanze stupefacenti, in particolare cocaina. Gli agenti della squadra mobile si sono recati sul posto per eseguire una perquisizione all’interno dell’abitazione.
    In particolare sono stati ritrovati e sequestrati: 9 involucri in cellophane termosaldati, all’nterno dei quali era presente della cocaina per un peso complessivo di 2 grammi, una busta in cellophane termosaldata, contenente cocaina per un peso complessivo 50 grammi, materiale per confezionamento e un bilancino di precisione elettronico.
    L’uomo, non presente al momento della perquisizione, è stato indagato in stato di irreperibilità. Nella circostanza, all’interno dell’appartamento, si trovava Giuseppe Mazzella (46enne), successivamente arrestato perché, a seguito di perquisizione domiciliare, erano stati ritrovati e sequestrati 6 involucri in cellophane contenenti cocaina, per un peso complessivo di circa 248 grammi.
    Carmelo Ruscica è stato arrestato dal personale della squadra mobile il 3 aprile 2013 nell’ambito dell’operazione “Indipendenza”, nei confronti di 14 persone ritenute responsabili del reato di associazione per delinquere finalizzata al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti con l’aggravante di aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni di previste dall’art. 416 bis c.p. al fine di agevolare l’attività dell’organizzazione mafiosa “Cursoti Milanesi”. L’arrestato è stato condotto presso il carcere di Piazza Lanza.
    RUSCICA Carmelo classe 1979

     

  • Il pomeriggio del 15 gennaio scorso, una donna mentre passeggiava in via Sant’Eupilo, ha subito uno scippo da parte di un uomo a bordo di una mto, il quale si è poi allontanato verso via Cimarosa. Il personale della sezione “Contrasto al Crimine Diffuso” è giunto sul luogo dell’accaduto, analizzandoi anche le telecamere di sorveglianza di alcune attività.
    Dalla visione delle immagini sono emersi alcuni partiolari come l’abbigliamento indossato dal malvivente ed è stato possibile osservare alcuni particolari della moto sulla quale viaggiava: un Aprilia Scarabeo di colore scuro, con paravento e con l’indicatore di direzione destro rotto che faceva penzolare la freccia. Qualche giorno più tardi, esattamente la sera del 27 gennaio, il personale dei “Condor”, a seguito di una segnalazione di furto con scippo appena accaduto sempre ai danni di una donna in via Sant’Euplio, ha arrestato Salvatore De Caro. Lo scooter, condotto dal’uomo, aveva tutti i particolari coincidenti con quello utilizzato per lo scippo del pomeriggio del 15 gennaio. Inoltre l’uomo indossava parte degli indumenti usati per compiere lo scippo (giubbotto di colore grigio scuro con cappuccio e le stesse scarpe con lacci e suole bianche). Durante la successiva perquisizione presso la sua abitazione è stato ritrovato e sequestrato il restante abbigliamento, ovvero un cappello di colore nero e un paio di jeans. Sulla scorta degli elementi emersi a suo carico, la Procura della Repubblica ha richiesto l’emissione di misura cautelare nei suoi confronti. L’arrestato è stato condotto presso il carcere di Piazza Lanza, dove si trova dalla sera del 27 gennaio scorso. 
    DE CARO Salvatore classe 1987

     

  • La polizia di Stato ha arrestato Dario Cutuli, 29enne, pregiudicato, destinatario dell’ordine di esecuzione di espiazione della pena detentiva a seguito della revoca dell’affidamento in prova emesso il 17 marzo dalla procura generale della Repubblica presso la corte d’appello di Catania – Ufficio Esecuzioni Penali. L’uomo ha dovuto espiare la pena di 5 anni e 10 mesi per reati contro il patrimonio e in merito a sostanze stupefacentiCUTULI Dario classe 1988

     

  • La polizia di stato ha arrestato Giacomo Santoro, 33enne, pregiudicato, già sottoposto agli arresti domiciliari, e destinatario della revoca di sospensione dell’ordine di esecuzione per la carcerazione emesso giorno 20 marzo dalla procura della Repubblica presso il tribunale ordinario di Bergamo – ufficio esecuzioni penali. L’uomo deve espiare la pena di 2 anni e 6 mesi di reclusione per il reato di tentata rapina.
    SANTORO Giacomo classe 1984

  • La polizia di stato ha arrestato Sergio La Fata, 55enne, pregiudicato, destinatario dell’ordine di esecuzione per la carcerazione emesso giorno 21 marzo dalla procura generale della Repubblica presso la corte d’appello di Catania – ufficio esecuzioni penali. L’uomo deve espiare la pena di 10 mesi e 6 giorni di reclusione per produzione, traffico e detenzione di sostanze stupefacenti.
    LA FATA Sergio classe 1962

  • Nel pomeriggio di ieri, il personale della squadra di polizia giudiziaria del commissariato “Centrale” ha individuato e arrestato Carmelo Giardini, nato a Catania nel 1989, in quanto destinatario di un ordine di carcerazione, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Catania. L’uomo deve espiare la pena di 9 mesi di reclusione, poiché riconosciuto colpevole del reato di evasione.
    GIARDINI Carmelo

  • Ieri il personale del commissariato Borgo-Ognina ha effettuato controlli straordinari mirati alla prevenzione e repressione di reati generici e di illeciti legati alla sicurezza stradale. Particolare rilievo assumono i controlli effettuati nella zona di Picanello dove, nella tarda serata, sono stati fermati 2 giovani con addosso della marjuana. La sostanza è stata sequestrata e i giovani segnalati alla prefettura locale, affinbché possano essere sottoposti a programmi di recupero per tossicodipendenti.
    Un’ulteriore attività, ha consentito di indagare in stato di libertà il titolare della pizzeria denominata “Millennium” di via Policastro, in quanto responsabile di furto di energia elettrica tramite il posizionamento di un magnete sul contatore. L’attività commerciale, nonostante fosse ancora aperta al pubblico, ha chiuso poiché l’Enel ha staccato la corrente. Indagato, inoltre, il titolare dell’autofficina “Galati Motor Service” in quanto, nonostante il contratto di fornitura elettrica fosse da tempo disattivato, si era allacciato abusivamente alla rete Enel. Nel corso della serata, insieme al personale del reparto prevenzione crimine Sicilia orientale, nel quartiere Picanello – Barriera, sono state controllate 53 persone, 23 veicoli. 23 persone sono state sottoposte agli arresti domiciliari e a sorveglianza speciale.

     

  • Ieri, il personale del commissariato “San Cristoforo”, ha eseguito un’ordinanza di sostituzione della misura cautelare degli arresti domiciliari con la custodia in carcere nei confronti di Florin Stoian, 26 enne rumeno. L’uomo era già noto alla polizia poiché pregiudicato per reati specifici contro il patrimonio nonché associazione per delinquere finalizzata al furto, insieme ad altri connazionali. Il giovane, giorno 8 marzo, nell’ambito dei costanti e mirati servizi finalizzati al controllo delle persone sottoposte a misure restrittive e detentive, non è stato trovato nella propria casa. Subito ricercato, è stato trovato presso una via del quartiere di “San Cristoforo”. L’arrestato è stato condotto presso il carcere di Piazza Lanza.
    STOIAN-1

     

  • I carabinieri delle stazione di Mascali, insieme ai colleghi del nucleo cinofili di Nicolosi hanno arrestato un 16enne del luogo, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Stamane nella frazione Nunziata, i militari a conclusione di una veloce attività investigativa hanno proceduto a una perquisizione domiciliare nell’abitazione del minore, il quale era già sottoposto alla misura di permanenza in casa perché già arrestato per reati contro il patrimonio. Nella circostanza il cane nel giardino di pertinenza dell’abitazione ha scovato, ben nascoste sotto diverso materiale, come ferro e rifiuti vari, 7 buste “sotto vuoto” contenenti complessivamente 18 chili di marijuana, che sono state sequestrate.  L’arrestato è stato condotto al centro di prima accoglienza di Catania in via Franchetti.
    ???????? Indic scova drogaIMG_4207
  • I carabinieri della stazione di Scordia hanno arrestato Massimo Emiliano Maggiore, 41enne del luogo, su ordinanza di misura cautelare emessa dalla corte d’appello di Palermo. Il provvedimento scaturisce dalla violazione alle prescrizioni impostegli dalla misura cautelare dell’obbligo di dimora a Scordia e della permanenza nella propria abitazione dalle ore 21,00 alle ore 07,00, a cui l’uomo era stato sottoposto per un furto aggravato. Per l’arrestato sono stati imposti gli arresi domiciliari, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.
    MAGGIORE Massimo Emiliano, nato a Catania il 18.11.1975

Commenti