Succede a Catania e provincia: 25 febbraio MATTINA

Succede a Catania e provincia: 25 febbraio MATTINA

CATANIA – Ecco le operazioni condotte da polizia e carabinieri a Catania e provincia:

  • Nel pomeriggio di ieri la polizia di Catania ha arrestato i pregiudicati catanesi Santo Spinella, 38 anni, e Gioacchino Sparti, 22 anni, (rispettivamente a sx e a dx in foto) per furto aggravato in concorso. Gli agenti, percorrendo la via Barriera del Bosco, hanno notato due individui sospetti intenti a forzare la portiera di una Lancia Ypsilon. Così sono stati subito bloccati e tramite un successivo controllo, è stato constatato che la serratura della portiera anteriore era stata già completamente forzata e che il sistema di chiusura centralizzato era stato sbloccato. I due uomini sono stati sottoposti a perquisizione personale, in seguito alla quale sono state ritrovate addosso a Spinella delle chiavi atte allo scasso e grimaldelli.. I due individui sono stati arrestati per il reato di tentato furto aggravato e posti agli arresti domiciliari in attesa del giudizio per direttissima.
    SPINELLA Santo  Sparti Gioacchino

  • Nella serata di ieri la polizia di Catania ha arrestato il pregiudicato catanese Stefano Bonnici, 41 anni, e denunciato in stato di libertà S. G., 22 anni, per detenzione ai fini di spaccio di marijuana. Gli agenti hanno notato in piazza San Leone un soggetto intento a spacciare droga a un “cliente”. Lo spacciatore è stato così avvertito della presenza degli agenti da un individuo che fungeva da palo, posizionato nei dintorni. Il pusher, una volta identificato, ha tentato di allontanarsi a passo spedito liberandosi di un sacchetto di plastica contenente nove palline di carta stagnola con all’interno della marijuana del peso complessivo di 20 grammi, immediatamente recuperato dagli agenti. Questi ultimi hanno bloccato l’uomo e dopo una perquisizione personale gli hanno ritrovato addosso la somma di 60 euro, provento dell’attività di spaccio che è stata così sequestrata. Bonnici è stato così arrestato per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti e trattenuto nelle camere di sicurezza della locale questura in attesa del giudizio per direttissima. Il “palo” invece, è stato denunciato in stato di libertà per concorso nello stesso reato.

    BONNICI Stefano

  • Ieri la polizia di Catania ha svolto un servizio straordinario di controllo generale nel rione “Librino”. Oggetto del controllo è stato lo stabile di viale Moncada 19 Scala B. Dai controlli finalizzati a verificare la legittima fruizione dell’energia elettrica sono venute fuori ben 15 situazioni di abuso, di cui una a carico di una persona sottoposta agli arresti domiciliari che è stata così denunciata per furto di energia elettrica. Inoltre, sono state controllate 6 persone sottoposte agli arresti domiciliari. Dai controlli amministrativi è stata rilevata invece una sala da biliardo al piano terra dello stesso stabile, e relativamente alla quale è ancora in corso la valutazione dei titoli per la licenza.

     

  • Malgrado fosse agli arresti domiciliari da alcuni giorni aveva iniziato a seminare il panico tra gli esercizi commerciali del centro città rapinando sia il punto vendita della “Nero Giardini” di piazza Verga che lo Store della Docksteps di via Etnea. Ieri pomeriggio, a viso scoperto ed armata di un coltello da cucina, Valentina Vinciguerra, 20 anni, è entrata nel negozio “Golden Point” di corso Italia e ha costretto una delle commesse a consegnarle una somma pari a 505 euro. Ma fortunatamente un’altra commessa è riuscita ad allontanarsi e a telefonare al 112. Così sono arrivati sul posto i militari che sono così riusciti a bloccare in tempo la rapinatrice, disarmandola ed ammanettandola. Il denaro è stato interamente recuperato e restituito alla responsabile dell’esercizio commerciale, mentre il coltello è stato sequestrato. La donna, una volta assolte le formalità di rito, è stata rinchiusa nel carcere di Catania in piazza Lanza dove dovrà rispondere all’autorità giudiziaria di rapina aggravata.
    VINCIGUERRA VALENTINA  coltello
  • I carabinieri di Paternò hanno arrestato in flagranza di reato un 25enne di Belpasso con precedenti di polizia, in quanto responsabile di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti. L’attività investigativa svolta in questi giorni dai militari ha portato ieri sera all’irruzione in casa del giovane pusher dove in seguito alla perquisizione, sono stati ritrovati e sequestrati 100 grammi di “marijuana”, un bilancino di precisione e 20 euro in contanti. L’arrestato, in attesa del giudizio per direttissima, è stato posto agli arresti domiciliari.

    droga e soldi

Commenti