Succede ad Agrigento e provincia: 18 marzo MATTINA

Succede ad Agrigento e provincia: 18 marzo MATTINA

AGRIGENTO – Ecco le operazione più importanti condotte da carabinieri e polizia ad Agrigento e provincia:

  • Giorno 16 febbraio, su segnalazione del Commissariato di polizia di Porto Empedocle sono stati applicati F.V.O. per il periodo di anni 3 a: C.F.C., 45enne, e S.I.A., 31enne, residenti nel comune di Canicattì, e responsabili del reato di porto di armi e oggetti atti a offendere (in particolare in possesso di coltelli vietati);
    Giorno 6 marzo, è stato applicato F.V.O. per il periodo di anni 3 a: A.G., 20enne e A.G., 26enne, residenti nel comune di Naro, e responsabili del reato di porto di armi e oggetti atti a offendere (in particolare in possesso di coltelli vietati).

    Destinatari dell’applicazione dell’avviso orale della questura sono:

  • M.L., 36enne, residente a Santa Margherita Belice, con precedenti per danneggiamento, maltrattamenti in famiglia, evasione, rapina e ricettazione
  • G.D.J., 36enne, residente a Sambuca di Sicilia, con precedenti per minaccia, furto e porto abusivo d’armi
  • A.L., 76enne, residente a Ravanusa, con precedenti per resistenza a pubblico ufficiale., lesioni personali, furto e inosservanza di provvedimenti disposti dall’autorità
  • B.G., 47enne, residente a Ravanusa, con precedenti per  inosservanza di provvedimenti disposti dall’autorità, resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali, maltrattamenti di animali, oltraggio e violenza
  • S.L., 57enne, residente a Ravanusa, con precedenti per furto in abitazione ed evasione
  • C.B., 50enne, residente a Sciacca, con precedenti per ingiuria, minaccia aggravata, molestia ed evasione
  • D.S.C, 43enne, residente a Canicattì, con precedenti per truffa, molestia e atti sessuali
  • G.I., 42enne, residente a Canicattì, con precedenti per occupazione abusiva di immobile, furto aggravato in concorso, ricettazione ed estorsione
  • M.G.,62enne, residente a Canicattì, con precedenti per porto abusivo di armi e munizioni e violenza privata.

Commenti