Spari da motovedetta libica: al porto di Catania il rimorchiatore “Asso 21”

Spari da motovedetta libica: al porto di Catania il rimorchiatore “Asso 21”

CATANIA – E’ attraccato nelle prime ora di questa mattina il mercantile Asso 21 con a bordo circa 270 migranti. Un tragitto segnato dalla paura, dato che al momento del soccorso effettuato dalla nave una motovedetta delle guardia costiera libica ha sparato due colpi intimidatori in aria.

“Quando stavamo per ultimare il trasbordo e sul barcone erano rimasti ancora una trentina di persone sono arrivati su una motovedetta i miliziani libici che hanno cominciato a sparare in aria. Due di noi sono finiti in mare ma per fortuna sono stati subito recuperati prima di annegare”. È la drammatica testimonianza di alcuni dei 265 migranti sbarcati stamattina a Catania dopo essere stati soccorsi, appunto, dal rimorchiatore privato Asso 21 approdato al porto di Catania.

La motovedetta, poi, ha riportato il barcone verso le coste del Nord Africa

A bordo c’erano bambini, donne incita e due soggetti invalidi. Tutti di nazionalità diverse, provenienti dalla Siria, dal Bangladesh, dalla Libia, dalla Somalia e dall’Eritrea.  Al loro arrivo, le autorità e il 118 hanno effettuato tutti i controlli del caso, passando dall’indentificazione ai controlli sanitari. Da quest’ultimo è giunto un responso positivo, dato che le condizioni generali sono risultate buone. 

Per quanto riguarda la sparatoria, sono state avviate delle indagini.

E intanto ascoltate questa registrazione che vi proponiamo in versione integrale fra un migrante e la volontaria Sofi Nawal. Durante il dialogo emerge anche la segnalazione di aiuto per il barcone affondato, ieri, a 24 ore dalla partenza dalla Libia che ha provocato la morte di 400 persone fra cui molti giovani e minori.   

Ecco come hanno trattato l’argomento i telegiornali di VideoMediterraneo:

 

Commenti