Siracusa: nello stand Auchan IX edizione del progetto “Un casco vale una vita”

Siracusa: nello stand Auchan IX edizione del progetto “Un casco vale una vita”

SIRACUSA – Nel pomeriggio di oggi, all’interno del centro commerciale “Auchan”, ha preso pubblicamente il via la IX edizione del Progetto Legalità – Concorso “Un Casco vale una vita”, a cura del Comando provinciale dei Carabinieri di Siracusa, la Croce Rossa Italiana (CRI), ISAB-Lukoil ed ERG, che ha visto la partecipazione di numerose persone di tutte le età.

Tema principale della manifestazione quello della sicurezza stradale e come prevenire i numerosi incidenti stradali, che ancora oggi si verificano su tutto il territorio nazionale, spesso a causa della guida in stato di ebrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, ed in parallelo la sicurezza in fabbrica.

Sul primo argomento si sono focalizzati i rappresentanti dei Carabinieri di Siracusa, unitamente ai volontari dell’Associazione Nazionale Carabinieri, che hanno esposto i loro moderni automezzi ed illustrato le diverse attività di divulgazione che vengono svolte negli istituti comprensivi della provincia di Siracusa.

La finalità di questi incontri, e della giornata odierna, nonché di quelle che si susseguiranno nell’ambito dell’iniziativa quella di sensibilizzare sia gli adulti che i più giovani al rispetto delle norme del codice della strada e all’importanza dell’utilizzo del casco e delle cinture di sicurezza. In questa attività i Carabinieri sono stati supportati dai volontari della CRI che hanno realizzato un percorso finalizzato a dimostrare praticamente, grazie all’uso di particolari occhiali, come l’abuso di alcool e l’uso di stupefacenti alterino la vista rendendo difficoltosa la guida e rappresentando una delle maggiori cause di incidenti stradali.

ISAB-Lukoil, nell’ambito delle numerose iniziative di Responsabilità Sociale, sostiene, fin dalla prima edizione, il Progetto dell’Arma dei Carabinieri, in quanto ritiene importante che si sviluppi, soprattutto nei giovani partecipanti al progetto, la sensibilità sia alla sicurezza in strada sia sul posto di lavoro. A tal fine era presente sia apposito personale specializzato nella sicurezza sul lavoro sia un vigile del fuoco aziendale che ha illustrato le maschere ignifughe, gli autorespiratori e le altre attrezzature utilizzate nell’insediamento industriale.

Alla manifestazione ha partecipato anche la società ERG, che da anni è partner del progetto.

Commenti