Sgominato il clan di San Cataldo: diciotto arresti

Sgominato il clan di San Cataldo: diciotto arresti

CALTANISSETTA –  Non solo spaccio, armi e associazione mafiosa, ma anche prostituzione minorile, una novità per Cosa Nostra.

Con queste accuse sono state arrestate 18 persone in un’operazione antimafia della polizia di Stato di Caltanissetta. Nel mirino delle indagini lo storico clan mafioso di San Cataldo.

L’operazione, denominata Kalyroon, è stata condotta anche con l’ausilio di intercettazioni, e ha consentito di ricostruire il traffico di stupefacenti, eroina e cocaina, gestito dalla cosca che serviva anche per mantenere le famiglie degli affiliati detenuti.

Una novità invece riguarda un giro di prostituzione, anche minorile, che alcuni componenti del clan avrebbero organizzato con la complicità di una coppia di romeni, che risultano ancora ricercati e che secondo le indagini si sarebbero occupati della tratta delle donne prelevate dalla Romania e portate in Italia per essere sfruttate.

I due avrebbero reperito nel loro paese ragazze giovanissime che venivano poi fatte prostituire in alcune case d’appuntamenti del Nisseno. Un business, quello della prostituzione minorile, che Cosa Nostra siciliana in passato si è sempre rifiutata di gestire, ritenendolo infamante.

Commenti