Sabato 17 a Palermo centauri a vela per la solidarietà

Sabato 17 a Palermo centauri a vela per la solidarietà

PALERMO –  Sabato 17 gennaio alle 9,30, dal pontile della Lega Navale di Palermo (alla Cala), partiranno alcune barche a vela con equipaggi provenienti dai moto club cittadini Panormus Vespa Club, Guzzi Mania, I Pellegrini e Ducati Club Palermo a cui si uniranno altre due imbarcazioni.

La prima ospiterà alcuni rappresentanti dei parenti delle vittime di mafia, membri del gruppo facebook MRN e il direttore di Addiopizzo Travel Dario Riccobono, mentre l’altra avrà a bordo le ragazze della associazione “Piccole Donne”, una comunità alloggio che accoglie giovani dai 13 ai 18 anni, affidate dai servizi sociali dei comuni siciliani o dal Tribunale dei minori perché vittime di abusi e maltrattamenti, per permettere loro di svolgere una nuova attività di squadra. Il rientro in banchina è previsto per le 12,30.

Le nostre ospiti – dice Josè Cannatella, responsabile della comunità – hanno anche bisogno di attività di questo tipo per allargare i loro orizzonti ed allontanarsi dalle realtà fortemente destabilizzanti da cui provengono. Purtroppo le rette pagate dal Comune non bastano neppure per i bisogni primari e noi, come le altre comunità di accoglienza, dobbiamo fare affidamento sul supporto e la generosità di privati, banche, commercianti ecc”.

L’iniziativa, denominata “Centauri a vela”, dal forte contenuto simbolico di apprezzamento per i più alti valori di solidarietà e legalità, è organizzata dal gruppo MRN assieme alla Lega Navale Italiana sezione di Palermo e ha anche lo scopo di raccogliere donazioni da devolvere a “Lisca Bianca. Navigare nell’inclusione”, progetto nato dall’idea di integrare l’area della disabilità con quella del disagio giovanile tramite forme di sperimentazione incentrate su solidarietà, ambiente, innovazione, sviluppo economico, occupazione e reinvenzione dei saperi, partendo dal restauro dell’imbarcazione storica “Lisca Bianca”, un Carol ketch in legno di 36 piedi, costruito alla fine degli anni ’70 da Sergio e Licia Albeggiani per compiere il giro del mondo e che, seppur bisognoso di urgenti restauri, è divenuto un ambasciatore dei prodotti e della cultura siciliana nelle isole più lontane.

La giornata di festa, che metterà in contatto tra loro alcune delle migliori espressioni della comunità cittadina impegnata nel sociale e naturalmente con i destinatari dell’iniziativa benefica, si concluderà alle 13 con i saluti finali e la consegna dei fondi raccolti al presidente dell’associazione Lisca Bianca, Elio Lo Cascio.

Davide Bologna

Commenti