Palermo, un arresto e due denunce per droga

Palermo, un arresto e due denunce per droga

PALERMO – Ultimo week-end di fine agosto e controlli dei carabinieri del Comando Provinciale di Palermo intensificati a scopo di prevenzione lungo le arterie stradali, nei centri di maggiore afflusso turistico e nei quartieri semideserti della città. Un impegno che ha dato i suoi frutti per garantire la sicurezza della circolazione ed evitare le conseguenze spesso drammatiche di abusi ed eccessi. Primo fra tutti la piaga dello spaccio di sostanze stupefacenti.

Sono due i giovani denunciati in stato di libertà per detenzione a fini di spaccio, contestualmente altri quattro segnalati alla Prefettura di Palermo, quali assuntori. Mentre altre tre persone sono state denunciate per guida in stato di ebrezza alcolica. I carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Palermo San Lorenzo nel corso dell’attività antidroga svolta in via Nicolo’ Giannotta, hanno arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente Pietro Argeri , palermitano, 26 anni, residente via Forni, noto alle forze dell’ordine. I militari dopo aver notato il presunto pusher cedere ad altro soggetto sostanza stupefacente, decidevano di bloccarlo in piena azione di spaccio al dettaglio. Eseguita un’accurata perquisizione personale hanno rinvenuto complessivamente, nella sua disponibilità, 10 grammi di “hashish”, già suddivisi in dosi unitamente alla somma contante di € 140,00, presunto provento dell’illecita attività. L’arrestato, su disposizione della competente Autorità Giudiziaria è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari nella propria abitazione in attesa del rito direttissimo. Nella foto vediamo proprio l’arrestato, Pietro Argeri.

ARGERI  PIETRO

Le strade di afflusso ai locali più noti e frequentati della costa tra Cefalù Terrasini e Cinisi sino a a Partinico, sono state battute incessantemente dalle gazzelle dell’Arma. Lo scopo era quello di evitare l’ingresso di stupefacenti nei locali e l’uscita di giovani privi di lucidità a bordo di automezzi. Numerosissime le contestazioni al codice della strada, dalla guida senza patente perché ritirata o mai conseguita alla mancanza della copertura assicurativa, perché risultati positivi all’alcol test o fermati mentre parlavano al cellulare o mandavano messaggi, per non aver utilizzato le cinture di sicurezza o il casco.

Nel corso della mattinata, a Terrasini, nelle acque antistanti la località di Capo Rama, nell’ambito di uno specifico servizio di controlli a natanti, l’equipaggio di una motovedetta dell’Arma contestava la violazione amministrativa a un palermitano di 33 anni. A seguito di ispezione, i carabinieri rinvenivano a bordo del natante condotto dall’uomo circa 600 esemplari di ricci di mare, pescati in quantitativo superiore al limite prescritto dalla normativa vigente, elevata sanzione amministrativa pari a 4000 euro, mentre l’intero pescato è stato riversato in mare.

A seguire questa mattina, verso le ore 08:00 a Cefalù, nel corso di un servizio straordinario di controllo del territorio teso alla prevenzione e repressione dei reati predatori e spaccio di sostanze stupefacenti, i carabinieri della locale Stazione, unitamente a personale del Nucleo radiomobile, hanno deferito in stato di libertà 5 persone per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Stesso contesto, sono stati segnalati alla Prefettura due giovani, in qualità di assuntori di sostanze stupefacenti e altrettante persone per guida sotto l’influenza di sostanza alcolica. Nel corso delle perquisizioni personali e veicolari, i carabinieri di Cefalù hanno rinvenuto e sequestrato 48 grammi di marijuana.

Eseguiti inoltre controlli alla circolazione stradale che permettevano di elevare violazioni al codice della strada per un ammontare pari a euro 380, l’identificazione di 35 persone e il controllo di 42 veicoli.

A Palermo, in viale Regina Margherita, la pattuglia dei carabinieri del Nucleo Radiomobile, nel corso di un controllo, ha segnalato tre giovani palermitani, trovati in possesso di modiche quantità di hashish e marijuana, per uso personale. Nella scorsa nottata, a Bisacquino, Corleone e Roccamena, nell’ambito di un servizio straordinario di controllo del territorio, i carabinieri delle locali Stazioni hanno deferito in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria: un 28enne, residente Marineo, manovale poiché a seguito di perquisizione veicolare, venivano rinvenuti 9 contenitori in plastica contenenti circa 170 litri di gasolio di cui lo stesso non sapeva dichiarare la provenienza.

Commenti